Matrimoni gay; Frattini, rispettiamo scelte stati

La Commissione Europea continuerà a prendere atto delle scelte in materia di status familiare nel pieno rispetto della competenza in questo settore che spetta ai singoli stati membri.

BRUXELLES – La Commissione Europea continuerà a prendere atto delle scelte dei singoli stati membri in materia di status familiare nel pieno rispetto della competenza in questo settore che spetta ai singoli stati membri.

Lo ha detto il Commissario europeo alla Giustizia, Libertà e Sicurezza, Franco Frattini nel corso di un seminario dedicato alla promozione dei diritti fondamentali dell’Ue nella sede del Parlamento Europeo di Bruxelles. “Non credo – ha detto Frattini – che ci sarà mai uno status familiare o un codice europeo della famiglia. Le differenti tradizioni e le differenti regole nazionali continueranno e noi ne prenderemo atto”. “Non a caso – ha aggiunto il Commissario Ue – il Trattato conferma che sui diritti di status della famiglia la competenza primaria resta agli stati nazionali”. “Noi ci dobbiamo però preoccupare – ha concluso Frattini – di alcune conseguenze che incidono sui diritti individuali della persona come ad esempio nel caso di persone che si spostano da uno stato all’altro e di persone che si sposano e non appartengono allo stesso stato membro”. Il Commissario europeo ha ricordato, a questo proposito, che Bruxelles ha già presentato due libri verdi sulle successioni e sulle conseguenze dei divorzi di persone che hanno nazionalità diversa.

LEGGI ANCHE

Storie

A Madrid apre la prima residenza pubblica del mondo per...

"Ci raccontano che vogliono terminare qui i loro giorni, in un luogo in cui non dobbiamo più mentire".

di Redazione | 27 Agosto 2018

Storie

Barcellona: assalta il commissariato urlando ‘Allah Akbar’, la moglie: “Era...

Il 29enne algerino è stato ucciso dagli agenti.

di Redazione | 21 Agosto 2018

Storie

18enne fa coming out con i genitori, il video è...

Un 18enne spagnolo ha immortalato il momento in cui ha trovato il coraggio di dichiarare la propria omosessualità ai genitori.

di Federico Boni | 30 Luglio 2018