Matt Damon: per un attore meglio non fare coming out

di

Il protagonista di The Martian poi ha ritrattato il contenuto

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
10192 0

L’attore statunitense Matt Damon, 45 anni, che aveva già fatto alcuni commenti controversi sulla diversità nel cinema, torna con le sue posizioni sorprendentemente conservatrici in una nuova intervista al giornale inglese The Guardian, dove arriva a sostenere che gli attori gay non dovrebbero fare coming out.

“Penso che debba essere davvero difficile per un attore dichiararsi gay pubblicamente”, ha detto l’attore, che sarà protagonista di “Sopravvissuto – The Martian”, che uscirà in Italia il 1° ottobre. “Ma ritengo anche che tu sia un migliore attore se le persone sanno di te il meno possibile. E la sessualità è una parte rilevante di questo mistero. Che tu sia etero o gay, la gente non dovrebbe sapere nulla della tua sessualità, perché questo è uno dei misteri che si dovrebbe essere in grado di interpretare”.

Ricordando che lui e Ben Affleck furono perseguitati da voci sul loro orientamento sessuale nel 1997, quando – amici d’infanzia – scrissero insieme la sceneggiatura di “Genio ribelle” con la regia di Gus Van Sant, Damon ha poi riconosciuto che è più difficile essere un attore se si è apertamente gay ed ha citato l’attore Rupert Everett come esempio di uno che ha subito contraccolpi per il suo coming out.

“E’ proprio come un qualsiasi altro pettegolezzo … e ci ha messo in una posizione davvero imbarazzante nel dover rispondere, sai cosa voglio dire? La cosa allora era davvero profondamente offensiva”, ha spiegato. “Io non vorrei dire che fosse come una sorta di malattia… perché sarebbe come buttare i miei amici sotto un autobus. Ma, in quel momento, mi ricordo di aver pensato: cavolo, Rupert Everett era apertamente gay e questo ragazzo – che era davvero il più bello di tutti, un attore di formazione classica – era difficile non pensare che non avesse subito dei contraccolpi per il suo coming out“.

L’attore ha poi in parte ritrattato il contenuto dell’intervista in una sua apparizione al The Ellen DeGeneres Show di ieri sera: “Stavo solo cercando di dire che gli attori sono più efficaci quando sono un mistero, vero?”, ha dichiarato ad Ellen DeGeneres. “E qualcuno ha preso questa mia affermazione e sostiene che io abbia detto che gli attori non debbano fare coming out. Tuttò ciò è stupido, ma fa anche male vedere che ti mettono in bocca cose che non hai detto”.

In una recente intervista radiofonica della BBC, Brent Everett aveva sostenuto che fare coming out gli aveva reso più difficile ottenere ruoli da protagonista, dicendo “Non consiglierei a nessun attore di fare coming out, se sta veramente pensando della sua carriera”.

Eppure, mentre molti attori e attrici hanno optato per una risposta del tipo “non sono affari tuoi” quando qualcuno chiede loro dettagli sul loro orientamento sessuale, la posizione di Damon è potenzialmente dannosa, se pensiamo all’importanza sociale del coming out di personaggi pubblici, specie verso le giovani generazioni.

Leggi   Come fare coming out con i genitori e amici?
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...