Messico: Gay Pride contro la guerra

Circa cinquecento lesbiche, guidate dal deputato indipendente Enoe Franga, hanno marciato attraverso la capitale messicana con cartelli anti-Usa e appelli alla pace.

CITTÀ DEL MESSICO – Il primo gay pride che si sia svolto a Città del Messico si è trasformato in una manifestazione contro la guerra in Iraq. Circa cinquecento lesbiche, guidate dal deputato indipendente Enoe Franga, hanno marciato attraverso la capitale messicana con cartelli anti-Usa e appelli alla pace, accanto a quelli di condanna per le discriminazioni sessuali.

Sempre a Città de Messico, per il terzo giorno consecutivo si è tenuto un sit-in notturno di protesta di fronte all’ambasciata Usa.

Marcia di protesta anche ad Acapulco, con manifestazione di fronte al consolato americano.

LEGGI ANCHE

Storie

Trieste Pride 2019, il consigliere Tuiach attacca: ‘spostarlo in luogo...

La mozione urgente è stata presentata dal consigliere comunale Tuiach, passato da Forza Nuova al gruppo Misto.

di Alessandro Bovo | 25 Gennaio 2019

Storie

Friuli Venezia Giulia, il gay pride arriva a Trieste

Forza Nuova annuncia una contro-manifestazione. Nel 2017, a Udine, gli omofobi speravano "in un lanciafiamme".

di Alessandro Bovo | 24 Gennaio 2019