Michele Grandinetti, da Boston fino a XFactor, con la musica nel cuore

di

Dopo l'uscita del suo ultimo video, Michele Grandinetti si racconta e ci parla dei suoi progetti su YouTube "come i cantanti americani". Lo vedremo ancora cantare circondato da...

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
11441 0

Lo abbiamo scoperto in un video in cui cantava beatamente Lady Gaga mentre si faceva pitturare il viso da tre giovani fanciulli: invidia! Eppure Michele Grandinetti ha un’importante storia alle spalle: dopo il liceo ha studiato al Berklee College of Music a Boston, nel 2006 ha pubblicato un album di successo in Thailandia e nel 2012 lo abbiamo visto ad X Factor.

Nonostante l’eliminazione hai ricevuto un bellissimo complimento da Morgan, che non è proprio uno che le manda a dire…vuoi raccontarcelo? Altri aneddoti, dietro le quinte?

Be’… di aneddoti simpatici che posso raccontare pubblicamente ce ne sono molto pochi [sorride, ndr], certamente ci sono stati momenti di grande divertimento e complicità con alcuni ragazzi e altri di eccitazione estrema per gli obblighi del programma stesso. Morgan è stato molto carino nei miei confronti, c’è da dire che ha avuto modo di ascoltarmi cantare in altre occasioni durante quei giorni e non solamente in occasione dell’esibizione in diretta che forse poteva andare anche meglio, ma si sa che la tensione in quei momenti non sempre gioca a proprio favore…

Abbiamo visto alcuni tuoi video su Youtube, come mai (dopo X Factor) una scelta così particolare, quella di esprimerti attraverso i social network anziché in un percorso tipico come la produzione di un disco con una casa discografica ecc ecc?

Forse conoscete cantanti come Alex Goot, Sam Tsui o Kurt Schneider… loro si esprimono solo attraverso Youtube e in America hanno milioni di follower! Pubblicano periodicamente cover sul proprio canale Youtube e durante l’anno pubblicano anche qualche inedito… questo modo di lavorare con la musica mi piace moltissimo perché mi permette di esprimermi assolutamente senza filtri e mi dà anche la possibilità di fare stupidate divertenti come imbrattarsi di colore per poi lavarsi in piscina!

Nel video di Believe, pubblicato qualche settimana fa, sembri un compassato ed affascinante crooner, mentre in quello di The Edge of Glory ammicchi al mondo gay con un video colorato e molto pop…qual è il vero Michele? E, soprattutto, dove hai trovato i tre bonazzi?

[ride, ndr] Sono un po’ tutte e due le cose solamente che il secondo Michele esce fuori solo quando sono brillo! Dove ho trovato i tre? Per il reclutamento ho pensato prima di provare con uno di quei siti d’incontri tanto amati dai gay ma dopo qualche tentativo andato a vuoto ho dovuto cambiare strategia e convincere alcuni amici palestrati ad assecondare la mia pazzia! [ride ancora, ndr] li ringrazio ancora… anche perché alla fine ci siamo divertiti a girare..

TI abbiamo visto cantare Lady Gaga, Cher, Michael Jackson. Qual è il genere musicale che preferisci?

Nel profondo amo il Soul e il Rhythm and Blues anni 60 ma mi piace molto anche il puro pop che mi dà quella leggerezza d’animo che a mio parere è un valore spesso sottovalutato che invece bisognerebbe apprezzare nelle giuste circostanze…

Nonostante un’apparenza pop sappiamo che sei partito giovanissimo per gli USA per studiare canto a Berklee, una delle più prestigiose università musicali al mondo: come è stata questa esperienza? quali altri riferimenti hai nella musica?

Avevo 17 anni quando sono partito per Boston, avevo appena finito il liceo… E’ stata una delle esperienze più belle della mia vita.. essere circondato da ragazzi con la mia stessa passione per la musica mi ha fatto sentire a casa anche a migliaia di chilometri di distanza.. poi l’atmosfera che si respira in un college musicale americano è indescrivibile! Quasi come vivere in un musical!

Hai vissuto anche un’importante esperienza in Thailandia. Fermi tutti. Come ci sei finito in Thailandia?? Racconta… racconta…

Proprio a Boston, un importante manager musicale mi ha proposto di registrare un album in Svezia a Stoccolma nei famosi Murlyn Studios… in quegli studi la più grande cantante tailandese, Tata Young, mi ha offerto un contratto con la Sony BMG che non potevo proprio rifiutare e quindi sono andato a vivere in Thailandia per un anno a promuovere il mio album…

È vero che hai collaborato con il “remixer” di Brtiney Spears?

(sorride) Sembra strano ma effettivamente è così… Niklas Flyckt, che aveva da poco vinto un Grammy per il mix di Toxic di Britney Spears, ha mixato diverse canzoni del mio album! E’ stato un onore lavorare con lui!

Torneremo a vedere video gaii e divertenti come quello di Lady Gaga. O d’ora in poi solo canzoni “serie”?

Spero proprio che ce ne saranno altri! Anche perché voglio divertirmi nel girarli!! Per le comparse posso rivolgermi agli amici di Gay.it?? [ride, ndr]

Un messaggio per gli amici di Gay.it?

Ringrazio affettuosamente tutti gli amici di Gay.it che sono stati da subito carini con me… per me è un piacere condividere con voi questa mia avventura… se vi va di seguire quello che sto facendo vi invito ad iscrivervi al mio canale Youtube e spero che possiate divertirvi come faccio io.

Guarda una storia
d'amore Viennese.

CONTINUA A LEGGERE...

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...