Milano, scritte omofobe e vandalismi su locale gay

Vittima degli episodi, che vanno avanti da un mese, è il Patchouli, storico luogo LGBT di corso Lodi.

Il Patchouli, locale gay di Milano, è finito nel mirino: sono quattro gli attacchi vandalici alla struttura nell’ultimo mese.

È da un mese che Alessandro Forgione, titolare del Patchouli, il locale gay che ha rivitalizzato l’ex stazione di Porta Romana, trova danni e scritte omofobe sui muri. Atti di vandalismo e omofobia che sarebbero compiuti praticamente a ridosso dell’alba, data la lunga apertura notturna del locale.

Locale gay
Il Patchouli di Corso Lodi a Milano.

Una situazione esasperante che ha costretto Alessandro a dormire più volte nella struttura. L’episodio più grave è avvenuto il 14 ottobre quando hanno tentato persino di distruggere la vetrata del locale, fortunatamente anti-sfondamento.
La sua speranza è che le telecamere di sicurezza poste all’esterno del locale possano dare qualche risposta sull’autore di questi gesti.

Un caso che certamente non fa onore alla città di Milano, specie dopo la candidatura voluta dal sindaco Beppe Sala ad ospitare nel 2020 la convention internazionale sul turismo LGBT.

Ti suggeriamo anche  Libano, la polizia blocca la seconda edizione del Pride: minacciati gli organizzatori