Milano Pride 2015: arriva il patrocinio del Comune

Pride Week dal 22 al 28 giugno. Sabato 27 la tradizionale parata attraverserà la città.

“La Giunta comunale – annuncia la pagina Facebook di Palazzo Marino – ha approvato oggi la delibera che concede il patrocinio alla 12° edizione di “Milano Pride Week – Milano Pride””

Anche quest’anno la manifestazione rainbow milanese vede il sostegno dell’amministrazione. L’evento, organizzato e promosso da Arcigay Milano e dal Coordinamento Arcobaleno, si terrà nel capoluogo lombardo dal 22 al 28 giugno. La Pride Week vedrà un programma ricco di iniziative che culminerà sabato 27 giugno nella tradizionale parata.

“Il legame tra Milano e la Pride Week continua nel segno della difesa e del riconoscimento dei diritti civili – afferma l’assessore alle Politiche sociali, Pierfrancesco Majorino -. Milano è diventata un laboratorio nazionale anticipando provvedimenti che solo ora, a cominciare dalle unioni civili, il Parlamento ha iniziato ad affrontare. Sul fronte legislativo, purtroppo, viviamo ancora inspiegabili arretratezze che ignorano le numerose istanze presentate da tempo”.

“Ci auguriamo – conclude Majorino – che al più presto anche a Roma comprendano la necessità di andare avanti sul tema dei diritti civili a cominciare dalla legge contro l’omofobia e dal riconoscimento della cittadinanza ai nati in Italia da genitori stranieri. Intanto Milano continuerà a fare la sua parte».

LEGGI ANCHE

Storie

Milano, torna l’Arcobaleno nella metro Porta Venezia – passo indietro...

Travolti dalle polemiche, ATM e Nike hanno deciso di lasciare i colori rainbow nella metro Porta Venezia, in quanto simbolo...

di Federico Boni | 12 Febbraio 2019

Storie

Milano, cancellata la metro rainbow per lasciar spazio alla Nike

Polemica per la scelta ATM di cancellare l'arcobaleno dalla fermata metro di Porta Venezia in favore di una pubblicità Nike.

di Federico Boni | 11 Febbraio 2019

Storie

Milano, il tribunale ordina per la quinta volta di trascrivere...

Il Comune di Milano si era rifiutato di procedere alla rettificazione dell’atto di nascita trascritto in Italia.

di Federico Boni | 7 Febbraio 2019