Milano sospende il gemellaggio con San Pietroburgo

Con una mozione approvata a maggioranza, Palazzo Marino sospende il gemellaggio con la città russa per finché non saranno abolite le leggi anti-gay

Dopo la campagna lanciata dall’associazione Radicale Certi Diritti per chiedere a Palazzo Marino di revocare il gemellaggio con San Pietroburgo per via delle leggi anti-gay, il Consiglio comunale di Milano ha approvato ieri a maggioranza una mozione per la sospensione degli effetti del gemellaggio tra Milano e la città russa. La sospensione sarà valida fino a quando non sarà revocata la legge contro la cosiddetta "propaganda dell’omosessualità" approvata dall’ex capitale zarista il 29 febbraio scorso. Il provvedimento, presentato dal radicale Marco Cappato e firmato da tutti i capigruppo della maggioranza, è stato approvato con le sole astensioni del presidente dell’assemblea Basilio Rizzo e del consigliere Mattia Calise (Movimento 5 Stelle), mentre la Lega ha votato contro e il Pdl ha abbandonato l’aula in dissenso sul metodo.

Di fatto, la sospensione comporta che da oggi il Sindaco, la Giunta e tutte le società partecipate non dovranno più organizzare iniziative nell’ambito del patto di gemellaggio che, ormai dal 1967, legava Milano e la città russa. L’embargo varrà fino a quando non sarà abrogata la legge che impedendo quella che viene definita "propaganda omosessuale", criminalizza qualunque attività o informazione relativa alle persone omosessuali, in violazione anche di impegni presi dalla Russia ratificando la Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali. Si tratta di "un segnale forte – commenta Yuri Guaiana, segretario dell’Associazione Radicale Certi Diritti -, ma rispettoso. Speriamo che l’esempio meneghino sia seguito anche da Venezia, gemellata dal 2006, e da Torino, che ha sciaguratamente siglato un accordo bilaterale di collaborazione con l`ex capitale zarista solo una settimana fa".

Storie

Milano Pride 2020: un ALTRO PRIDE nella forma ma non nella sostanza

L’edizione 2020 di Milano Pride sarà contraddistinta da un programma di eventi virtuale che contribuirà attivamente alla ripresa della città con un’attività di fundraising.

di Federico Boni