Militante Arcigay aggredito nel napoletano: “Hanno cercato di rapirmi”

Non ci sono elementi, comunque, per collegare questo caso alle precedenti sparizioni di Luigi e Vincenzo.

Negli scorsi giorni abbiamo riportato l’allarme lanciato da Arcigay Napoli su morti e sparizioni sospette che hanno avuto luogo negli ultimi mesi in Campania: un nuovo caso, però, risale alle ultime ore.

Simone Manfrellotti, militante Arcigay di 25 anni, è stato seguito da due uomini vestiti di nero all’uscita dal lavoro, a Casalnuovo. Questo il suo racconto: “Stavo percorrendo una via abbastanza isolata per raggiungere Porta Nolana quando ho avuto la netta percezione di essere seguito da qualcuno. Allora mi sono spaventato e ho affrettato il passo ma ho sentito due uomini parlare alle mie spalle e uno diceva all’altro in dialetto: Chist ne è nat (Questo è un altro)”. In un men che non si dica la paura si è trasformata in violenza: “Uno dei due me lo sono ritrovato in faccia, con il cappellino nero a coprirgli il viso, e ha iniziato a strattonarmi e a stringermi i polsi con forza. Io mi sono divincolato e, nonostante abbia preso un pugno, sono riuscito a fuggire”.

Una signora, in seguito, lo ha aiutato a calmarsi e a chiamare la polizia. Ma c’è un dettaglio che, più di tutti, inquieta Simone: gli è sembrato che non volessero rapinarlo, ma rapirlo. “Non hanno provato a rapinarmi, volevano portarmi via. Non so dove, ma in quella zona ci sono tante stradine strette e isolate in cui è facile far sparire persone. Io mi sono divincolato, per fortuna”.

Ti suggeriamo anche  Napoli, ingresso al Lido "vietato perché gay"

Non ci sono elementi concreti per collegare questa denuncia ai casi di Luigi e Vincenzo, scomparsi nella stessa zona in questi mesi, ma il grido d’allarme di Arcigay Napoli rimbomba sempre più forte.

Morti e sparizioni sospette di membri LGBT nel napoletano: Arcigay lancia l’allarme