Mille Chiamparino in Toscana

Una coppia di donne di San Miniato ha chiesto al Sindaco di sposarle simbolicamente. «Non possiamo andare vanti così. Se non siamo famiglia noi, chi altro lo è?», dicono a Gay.it

Fra i 28 mila abitanti della piccola San Miniato ci sono anche Barbara Monti, 32 anni, e Michela Cioni, 35, e insieme hanno chiesto al loro Sindaco Vittorio Gabbianini di sposarle. Nel piccolo paese della provincia di Pisa «tutti sanno di noi e ci hanno accettato». Anche le famiglie, cosa più importante, e tutti sanno che il loro desiderio più grande è quello di vedersi un giorno spose. Certo, all’estero sarebbe tutto più semplice: «Abbiamo preso in considerazione la Spagna, ma non vorremmo abbandonare la nostra Italia. Espatriare vorrebbe dire essere costretti a farlo e questa cosa ci fa rabbia. Sono una cittadina italiana, sono nata qui, pago le tasse come tutti e voglio i miei diritti.»

Con cinque anni di fidanzamento alle spalle, quattro li hanno passati insieme. Non solo a lavoro («Lavoriamo entrambe nello stesso calzaturificio. Io – spiega Barbara – faccio l’impiegata, mentre Michela lavora lì come operaia») ma anche nella stessa casa. Le nozze che hanno chiesto al loro Sindaco sarebbero solo simbolche, certo, ma «Vogliamo manifestare la nostra presenza. Lo spirito con cui abbiamo scritto quella lettera è quello di dare visibilità, far vedere che ci siamo e abbiamo dei diritti.» Se arrivasse per Natale, poi, «sarebbe un regalo bellissimo».

Barbara e Manuela hanno aderito all’iniziativa Mille Chiamparino, dal nome del Sindaco di Torino Sergio Chiamparino che ha annuncito di voler sposare simbolicamente due donne della sua città. Per aderire all’iniziativa basta compilare il form che automaticamente farà recapitare al Sidaco della propria città una lettera con la richiesta di nozze simboliche.

Ti suggeriamo anche  L'amore proibito tra donne in età vittoriana: le meravigliose foto dell'epoca