Minacciava il figlio gay per sms: padre condannato

di

È stato condannato l'uomo triestino ritenuto responsabile delle minacce inviate al figlio.

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
3442 0

È stato condannato ad un mese e venti giorni di detenzione, convertiti in una multa di 12.500 euro, il padre che aveva minacciato e offeso il figlio gay mandandogli sms di minatori e ingiuriosi. A denunciare l’uomo era stato il figlio stesso che aveva consegnato alle forze dell’ordine tutti i messaggi inviatigli dal padre. Messaggi come “Culattone di merda finocchio, cane rognoso” e “Se vai sulla tomba della mamma ti ammazzo”. All’origine dei dissapori tra padre e figlio, l’omosessualità di quest’ultimo che il genitore non aveva mai accettato . Le cose erano peggiorate dopo la morte della madre del 34enne sulla cui eredità si è aperta una vera guerra tra padre e figlio.

“Se vai sulla tomba della mamma ti ammazzo”, era uno dei messaggi inviati dall’uomo.

Secondo la ricostruzione fornita dalla vittima, “tra il 26 e il 27 novembre del 2013 ho ricevuto numerosissimi sms dall’utenza cellulare di mio padre e anche alcuni messaggi in segreteria telefonica”. Accuse supportate dalle prove presentate dal giovane e sulla base delle quali la giudice Laura Barresi ha emesso la sentenza ratificando l’accordo raggiunto tra l’avvocato Claudio Giacomelli, difensore dell’uomo, e il pm Cristina Bacer. La condanna a 1 mese e venti giorni è stata convertita in una multa pari a 250 euro per ogni giorno di pena.

Leggi   Verona ospiterà il World Congress of Families: nello spot anche i faccioni di Salvini e Fontana
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...