Modena: approvato un ordine del giorno sul PACS

Il Comune di Modena ha approvato un ordine del giorno che lo impegna “a realizzare un’indagine conoscitiva e di monitoraggio sulle condizioni delle coppie di fatto presenti sul territorio”.

MODENA – Il Comune di Modena ha approvato un ordine del giorno che impegna il comune emiliano “a realizzare un’indagine conoscitiva e di monitoraggio sulle condizioni delle coppie di fatto presenti sul territorio del Comune, finalizzata a delinearne la presenza, individuarne le problematiche, evidenziarne i bisogni e le esigenze, con l’obbiettivo di approfondire la percezione sociale del fenomeno anche dal punto di vista dell’orientamento sessuale”, oltre a invitare il Parlamento a votare al più presto la legge sul PACS in discussione in Comissione Giustizia.

“È una giornata importante per tutte le coppie, etero e omosessuali, che hanno deciso di costituire un nucleo familiare diverso da quello regolato dal matrimonio – dichiara Ennio Trinelli, responsabile GayLeft della zona – È un primo passo verso la pari dignità di tutti i cittadini adulti che in libertà scelgono in quale ambito realizzare la loro vita affettiva. È un segnale importante della Giunta comunale modenese che in piena coerenza con la tradizione di libertà e di rispetto dei Diritti di tutti i cittadini propria della città emiliana, stabilisce un giusto rapporto di fiducia e di rispetto con tutta la cittadinanza, al di là delle scelte e degli orientamenti personali. Auspichiamo che questa decisione possa portare con sé una discussione approfondita sui cambiamenti da tempo in atto nella società italiana, al di là di steccati ideologici e opinioni personali.”

LEGGI ANCHE

Storie

Bologna, scambia due muratori per coppia gay e li aggredisce:...

Il 41enne italiano aveva visto i due uomini dentro una macchina.

di Redazione | 31 Agosto 2018

Storie

Famiglie Arcobaleno, in Emilia-Romagna registrati altri due bambini

È successo a Bologna e ad Alfonsine, comune del Ravennate.

di Gianluca Pellizzoni | 9 Maggio 2018

Storie

Minacciate perché lesbiche, M5S: “Regione si costituisca parte civile”

"Le istituzioni non possono tollerare ulteriormente la diffusione di questa becera mentalità".

di Redazione | 24 Novembre 2017