Mounir Mahjoubi, ministro francese fa coming out per dire basta all’omofobia

Nella Giornata Internazionale contro l’omofobia, la bifobia e la transfobia, il 34enne ministro ha gettato la maschera sui social.

34enne Ministro francese per gli Affari Digitali, Mounir Mahjoubi ha fatto coming out sui social il 17 maggio scorso, Giornata Internazionale contro l’omofobia, la bifobia e la transfobia.

L’omofobia è un male che mangia la società, invade le scuole e avvelena famiglie e amici perduti. Peggio, infesta le menti delle persone gay e talvolta ci costringe a nasconderci e a mentire per evitare l’odio, pur di vivere‘.

Mahjoubi ha ricevuto sostegno e applausi dall’intero arco parlamentare francese, nonché della comunità LGBT transalpina. Intervistato da Franceinfo Radio, ha poi precisato: “Ieri è stata la Giornata internazionale contro l’omofobia: era importante spiegare le conseguenze dell’omofobia nella vita di tutti i giorni … e le conseguenze che ha avuto su di me”. “Penso che sia importante dare visibilità agli omosessuali, ma penso anche che tutti dovrebbero farlo quando sono pronti a farlo: tutti hanno la loro storia, la loro cultura, la loro famiglia … Non dobbiamo imporre trasparenza a chiunque. Ognuno gestisce la sua vita come desidera. Siamo nel 2018, vivevo la mia bugia, anche pubblica, in modo tranquillo, ma proprio in quel giorno potevo trasmettere un messaggio [ai giovani] rafforzandolo con la mia esperienza personale, penso che dovesse essere fatto“.

Secondo gli ultimi rapporti, dal 2016 al 2017 il numero di aggressioni omofobe in Francia è aumentato del 15%.

Ti suggeriamo anche  “Cary Grant era bisex”: il documentario presentato al Cinema Ritrovato di Bologna