Multe salate per le marchette di Valle Giulia

Chiuso Monte Caprino, recintato Palombini, lasciata a se stessa Piazza della Repubblica, è ricominciata la guerra alle ‘marchette’ di Valle Giulia, con 18 multati in una notte…

Il sesso a pagamento sulle strade ha sempre più vita breve nella capitale, soprattutto se maschile.

Mentre nella centralissima Piazza della Repubblica decine di marchette dell’est si prostituiscono a pochi metri dal MacDonald e dal cinema Warner Village, frequentatissimi fino a tarda notte, nel resto della città i controlli sono sempre più frequenti.

Chiuso Monte Caprino, battuage gay da anni, e controllato a vista Palombini all’Eur, con il celebre ‘boschetto’ a pochi passi, anche Valle Giulia è infatti nuovamente finita sotto le lenti dei controlli.

18 i multati pochi notti fa, 5 dei quali accompagnati in questura per ulteriori accertamenti, mentre per quattro cittadini colombiani è stato addirittura proposto il foglio di via obbligatorio.

Stretta anche nel resto della città, con oltre 60 arrestati, tra prostitute e transessuali. Dai 200 ai 500 il prezzo delle salate multe, come voluto dal Sindaco Alemanno, da un anno ormai a caccia di ‘lucciole’, sottolineando, grazie alla sua ordinanza, come "l’attività di meretricio produce gravi situazioni di turbativa alla sicurezza stradale, a causa di comportamenti gravemente imprudenti, in violazione del Codice della strada, di soggetti che, alla guida dei propri veicoli, sono alla ricerca di prestazioni sessuali".

 

 

di Federico Boni

Ti suggeriamo anche  Trans uccisa a Roma, domenica la commemorazione all'Eur