Nella corsa ai simboli c’è anche il “No PaCS”

Nonostante la declamata semplificazione del quadro politico, questa mattina erano in tanti fuori dal Viminale, tutti a depositare il proprio simbolo. E per la Campania spunta il movimento “No PaCS”.

Si chiama "No ai pacs" ed è guidata dal campano Vittorio Colavitto la nuova formazione il cui programma sta tutto nel nome e che ambisce a presentarsi da sola sia alla Camera che al Senato.

«Io mi definisco un rautiano – spiega Colavitto – e voglio arginare i propositi della sinistra di istituire i Pacs, argomento sul quale l’opinione pubblica non è ancora informata, soprattutto per quanto attiene i suoi risvolti etici e morali».

Colavitto, tuttavia, è consapevole della difficoltà dell’impresa tanto da riconoscere che il raggruppamento, di cui si definisce il segretario, avrà difficoltà a raccogliere le firme necessarie alla presentazione in altre regioni oltre che in Campania.

LEGGI ANCHE

Storie

Elezioni, Adinolfi prende lo 0,66% ed esulta: “È solo l’inizio”

Il leader del Popolo della Famiglia, rimasto fuori dal Parlamento, festeggia comunque l'esito elettorale.

di Gianluca Pellizzoni | 6 Marzo 2018

Speciale

Elezioni, the day after: che fine ha fatto l’Italia dei...

Quali sono gli scenari per la comunità LGBT dopo l'esito delle elezioni politiche.

di Gianluca Pellizzoni | 5 Marzo 2018

Storie

Potere al Popolo: non solo diritti per gay e lesbiche

Cosa c'è nel programma di Potere al Popolo che parla di persone LGBTQI? Tutto, sembrerebbe. L'approccio alla politica di PaP...

di Davide Bombini | 5 Febbraio 2018