A New York nascerà un memoriale per le vittime di discriminazione e omofobia

di

L'annuncio di Andrew Cuomo, governatore dello Stato. Il monumento verrà realizzato entro il 31 dicembre e sarà accompagnato da una campagna di sensibilizzazione negli americani più retrogradi.

CONDIVIDI
150 Condivisioni Facebook 150 Twitter Google WhatsApp
2673 0

Poco dopo la cerimonia ufficiale per rendere lo Stonewall Inn il primo monumento LGBT americano, un altro importantissimo annuncio: il governatore di New York Andrew Cuomo ha emanato un ordine esecutivo per realizzare il primo, grande memoriale per le vittime di discriminazione, omofobia e transfobia della nostra comunità.

Il monumento, il cui nome è ancora sconosciuto, verrà realizzato dall’appena istituita “LGBT Memorial Commission”, che si occuperà di realizzare il monumento “che onora le battaglie per i diritti e tutte le vittime di odio, intolleranza e violenza” entro e non oltre il 31 dicembre 2016. Il memoriale onorerà le vittime della recente strage di Orlando, e più in generale tutte quelle persone che hanno perso la vita nell’inseguimento della libertà d’espressione e nel combattimento per l’uguaglianza completa.

“È più importante che mai stare al fianco della comunità LGBT, e assicurarsi che tutti siano trattati con dignità, giustizia e rispetto. Alla luce dei tragici fatti di Orlando, New York continua a essere un faro per la giustizia e non rinunceremo mai al nostro impegno per la comunità, cercando di creare una società più inclusiva”, afferma Cuomo.

La probabile location del monumento è Battery Park City, ma si discute anche della possibilità di porlo a Chelsea Piers o nella zona est del Greenwich Village, vicino allo storico Stonewall Inn.

Il Governo ha altresì rivelato la diffusione di una campagna, “Open Doors”, che verrà diffusa oltre che a New York anche in North Carolina, Mississippi e Texas (stati nei quali vige ancora una forte cultura dell’intolleranza) nel corso dell’estate.

 

Leggi   New York inaugura il primo memoriale dedicato alla comunità LGBT
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...