Nichi Vendola, “Ora Tobia è davvero mio figlio, porterà anche il mio cognome”

di

Dalle pagine di 'Chi' Nichi Vendola annuncia il riconoscimento da parte del Tribunale di Roma dell'adottabilità del figlio Tobia.

CONDIVIDI
272 Condivisioni Facebook 272 Twitter Google WhatsApp
982 1

60 anni all’anagrafe, ex presidente della Regione Puglia dal 2005 al 2015, nonché deputato della Repubblica italiana per 5 legislature, Nichi Vendola è diventato padre nel febbraio del 2016, insieme al compagno Ed Testa, grazie alla maternità surrogata.

Un figlio, il piccolo Tobia, nato in California e ora ufficialmente riconosciuto dall’anagrafe capitolina, come rivelato dallo stesso Vendola in un’intervista rilasciata al settimanale Chi, da domani in edicola.

Tobia è sempre stato mio figlio, ma il tribunale di Roma mi ha riconosciuto l’adottabilità e quindi da ora in poi porterà anche il mio cognome. Per me e il mio compagno è innanzitutto una grande gioia. Poi, certo, è anche una battaglia vinta. Le polemiche sono state frutto di ignoranza, di superficialità, di volgarità. Viviamo nell’epoca degli odiatori seriali. Che cosa diremo a Tobia quando sarà grande? In realtà lui conosce sia la donna che ci ha donato l’ovulo sia la donna che lo ha portato in grembo. Ci scambiamo foto, video e telefonate. Mio figlio saprà tutta la verità su come è venuto al mondo“.

Abbandonata la politica per dedicarsi interamente alla famiglia, Vendola ha vissuto attimi di paura ad inizio 2018, quando è stato ricoverato d’urgenza per un infarto.

In un soffio la morte può invadere la tua casa. Per fortuna posso raccontarlo! Da questo episodio ho imparato a darmi tempo, a non correre, a governare con più saggezza le mie emozioni. Tobia? Pensava fossi in viaggio, ma si è spaventato ugualmente e quando sono tornato a casa dall’ospedale non smetteva più di baciarmi. Ma lui è sempre stato la mia priorità a prescindere da questo“.

Semplicemente una famiglia italiana.

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...