Niente Lady Gaga a Giacarta: “Inneggia all’omosessualità”

Le autorità indonesiane hanno respinto la richiesta di autorizzazione su pressione dei gruppi islamici: “Pratica il culto di Satana e inneggia all’omosessualità”. I fan annunciano sostegno.

Le autorità indonesiane hanno respinto la richiesta di autorizzazione del concerto di Lady Gaga, previsto per il prossimo 3 giugno allo stadio Bung Karno di Giacarta. A riportare la notizia sono le agenzie di stampa. Una decisione, secondo quanto riferito dal portavoce nazionale della polizia Boy Rafli Amar, che ha tenuto conto delle "obiezioni sollevate da alcuni gruppi islamici" che ritengono i modi di fare e le canzoni della popstar "incompatibili con la loro cultura". Proprio nei giorni scorsi, il Fronte di difesa islamica, un gruppo fondamentalista indonesiano, aveva accusato la cantante statunitense di praticare il culto di Satana e inneggiare all’omosessualità.

Per il concerto sono stati venduti più di 30.000 biglietti. I fan di Lady Gaga hanno annunciato il loro supporto alla Big Daddy Entertainment, società organizzatrice del concerto: "Continueremo ad aiutare Big Daddy affinché il concerto si svolga nella data prevista", si legge in un post pubblicato su Twitter dall’account dei fan indonesiani della cantante. In Indonesia, che è il paese musulmano più popoloso del mondo, negli anni scorsi si sono esibiti artisti come Katy Perry, Justin Bieber e Kylie Minogue.

Ti suggeriamo anche  L'omofobia non va in vacanza: nuovi episodi nell'ultima settimana
Storie

Milano Pride 2020: un ALTRO PRIDE nella forma ma non nella sostanza

L’edizione 2020 di Milano Pride sarà contraddistinta da un programma di eventi virtuale che contribuirà attivamente alla ripresa della città con un’attività di fundraising.

di Federico Boni