HIV: il servizio sanitario britannico non fornirà la PrEP. E in Italia?

Italiani cattolici. Per il ministro della salute Lorenzin il sesso va tutelato solo per le famiglie eterosessuali che vogliono avere figli.

Gran Bretagna – La PrEP è un farmaco che serve a prevenire il contagio da HIV: assunta correttamente, la PrEP dà ottimi risultati nella prevenzione dell’infezione. È notizia di questi giorni che uno dei paesi europei in prima linea nella lotta all’AIDS non fornirà ai cittadini la PrEP. Il servizio sanitario britannico ha infatti annunciato che il farmaco non sarà in copertura delle casse statali: in sostanza riusciranno ad avere il farmaco solo i cittadini che se lo pagheranno di tasca propria.

Ian Green, amministratore della Terrence Higgins Trust, ha dichiarato: “Un farmaco che è già disponibile in Francia, Canada, Kenya e Australia, oltre agli Stati Uniti, viene oggi negato ai cittadini britannici più bisognosi, creando una evidente discriminazione tra chi può e chi non può permetterselo. Cosa diremo ai 2.500 nuovi infettati che ogni anno si rivolgono alle sedi sanitarie per avere una cura?”.

In Italia la PrEP non è ufficialmente disponibile perché, come dichiara Anlaids in un’intervista del 2015, il farmaco è in fase di omologazione presso l’Ema, l’Agenzia per i Farmaci Europea. Una risposta che lascia perplessi, visto che in Francia la PrEP è già disponibile nelle strutture ospedaliere e le regole di approvazione dovrebbero essere come minimo condivise a livello europeo.

Ad oggi l’unica casistica approvata è per le coppie eterosessuali sierodiscordanti (nelle quali un membro è sieropositivo e l’altro no) che vogliono avere un figlio.

Ti suggeriamo anche  Atene, dato alle fiamme il centro di controllo HIV del quartiere Monastiraki

Premesso che l’utilizzo della PrEP è costoso in termini finanziari e in termini di effetti collaterali sull’organismo (è sempre e comunque preferibile il preservativo come metodo di prevenzione: la PrEP ha una percentuale di sicurezza pari a circa il 90%, mentre il preservativo intorno al 98%), per il Ministro della Salute Lorenzin evidentemente il sesso va tutelato in questo modo solo per le famiglie eterosessuali che vogliono avere figli. Il sesso nelle coppie sierodiscordanti omosessuali o per i single è evidentemente di alcuna importanza. In Italia oltretutto la PrEP non può essere acquistata dai cittadini nemmeno pagandola di tasca propria. Almeno la discriminazione basata sul reddito ce la siamo risparmiata. Il diritto viene direttamente negato a tutti.

 

Seguici su Facebook >