Se la vecchia campagna del Fertility Day era sessista, quella nuova è razzista

La copertina del nuovo opuscolo per la promozione del Fertility Day contrappone bianchi e afro, veicolando un incredibile messaggio razzista.

Sono già diventate virali le immagini della nuova campagna del Fertility Day, la giornata dedicata alla promozione della fertilità, voluta dalla ministra Lorenzin e fissata per domani, che già nelle scorse settimana ha fatto parlare di sé e certo non in modo positivo.

Se la precedente campagna infatti era stata ritirata per le sue cartoline piene di messaggi sessisti e retrogradi (GUARDA QUI >>>), questa nuova pare essere stata modellata da una sensibilità altrettanto problematica.

In particolare la copertina dell’opuscolo progettato per la giornata di domani, vede la contrapposizione visiva tra due gruppi: in altro “le buone abitudini”, associate all’immagine di due coppie, rigorosamente bianche, addirittura biondastre, immortalate in spiaggia e baciate dal sole; in basso invece il gruppo dei deviati, quello associati alle “cattivi compagni da abbandonare”, giovani dalle caratteristiche etniche varie – tra cui spiccano un ragazzo nero e una capigliatura afro – intenti a fumare qualcosa che non sembra essere tabacco.

14441072_1090185121066145_7357121682644255465_n

I social si stanno già mobilitando: c’è chi chiede un esorcismo o almeno le dimissioni per la ministra Lorenzin, chi chiede il ritiro anche di questa nuova campagna, chi sta già partendo con le parodie.

Quello che è chiaro è che questo ministero non è in grado di confrontarsi con le questioni al centro del dibattito contemporaneo, ovvero quelle legate all’identità, al corpo, alla sessualità e ai conflitti che ad esse si legano.

Storie

Partecipa a 4 Ristoranti con il compagno e viene sommerso dalle telefonate omofobe – la denuncia video

"Froc*o di mer*a" al telefono, più e più volte, con voci modificate e numeri anonimi. La denuncia social di Mariano Scognamiglio, visto a 4 Ristoranti, su Sky, insieme al compagno.

di Federico Boni