Obama conferisce a due gay la Presidential Medal of Freedom

di

E' la più alta onorificenza civile negli Usa. A riceverla insieme ad altre sedici persone, anche se postuma, l'attivista afroamericano Bayard Rustin e l'astronauta Sally Ride.

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
4571 0
Bayard Rustin

Bayard Rustin

Come ogni anno, il presidente Barack Obama ha consegnato le Presidential Medal of Freedom. A ricevere la più alta onorificenza civile che gli States riconoscano, sono state sedici persone, tra cui due persone omosessuali alle quali è stata riconosciuta postuma. La medaglia, che viene conferita alle personalità a cui si riconosce “un contributo meritorio speciale per la sicurezza o per gli interessi nazionali degli Stati Uniti, per la pace nel mondo, per la cultura o per altra significativa iniziativa pubblica o privata” è stata, infatti, consegnata a Bayard Rustin e Sally Ride.

A Bayard Rustin, afroamericano, sono stati riconosciuti i meriti dell’impegno per i diritti civili. Spesso al fianco di Martin Luther King, a Rustin “per decenni è stato negato il giusto posto nella storia perché era apertamente gay – ha dichiarato Obama spiegando le ragioni dell’onorificenza -. Nessuna medaglia può porre rimedio a questo, ma oggi onoriamo la memoria di Bayard Rustin occupando il nostro posto nella sua marcia verso la vera uguaglianza, a prescindere da chi siamo e da chi amiamo”.

Sally Ride

Sally Ride

La seconda omosessuale a ricevere la Pesidential Medal è stata Sally Ride, la prima donna astronauta degli Stati Uniti, morta a luglio dello scorso anno. “Come prima donna americana nello spazio – ha dichiarato Obama – Sally non ha solo superato il tetto della stratosfera, ma lo ha fatto esplodere. E quando è tornata sulla Terra, ha dedicato la sua vita ad aiutare le ragazze ad eccellere in campi come la matematica, le scienze e l’ingegneria. “Le ragazze hanno bisogno di vedere modelli – diceva Sally – non puoi essere ciò che non puoi vedere”. “Oggi – ha concluso il presidente – le nostre figlie, comprese Malia e Sasha (le figlie di Obama, ndr) possono puntare lo sguardo un po’ più in alto perché Sally Ride ha mostrato loro la strada”.

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...

Commenta l'articolo...