Olanda: ad Amsterdam il Natale è Pink

Il gruppo che organizza il Pride nella capitale, ha lanciato quest’anno il Pink Christmas, un festival di 10 giorni per parlare di gay e fede tra feste, film, dibattiti, mercatini e il presepe lgbt.

ProGay è l’associazione olandese che ogni anno organizza il Pride di Amsterdam e che, naturalmente, si occupa di diritti delle persone lgbt in Olanda. Quest’anno ha organizzato anche una sorta di festival natalizio, unico nel suo genere, che ha voluto chiamare "Pink Christmas", ovvero Natale Rosa. 

Gli eventi inizieranno il 18 dicembre prossimo e andranno avanti fino al 28 tra incontri, film, serate, happy hour, concerti, mostre e un suo specifico mercatino di Natale tematico. Naturalmente non può mancare il tradizionale presepe lgbt con una natività davvero speciale: attorno al bambinello appena nato ci saranno due Giuseppe e due Maria. Il messaggio è chiaro: il Natale non discrimina nessuno, figuriamoci i gay credenti. 

"Natale è qualcosa di più della religione, riguarda le famiglie, per non parlare dello shopping – ha dichiarato Frank Van Dalen, presidente di ProGay -. Due uomini o due donne possono formare una famiglia anche in quei giorni, alcune anche con un figlio".

E anche nella progressista Olanda (che ultimamente sta cominciando a prendere provvedimenti restrittivi anche in altri settori, nonostante la storica tradizione, ndr) non sono mancate le polemiche, compresa la vana richiesta di annullamento arrivata dal gruppo religioso "Cristiani per la Verità".

LEGGI ANCHE

Cinema gay

Se non hai idee per San Valentino… ecco 5 film...

Se passerete a casa il 14 febbraio, ecco qualche film d'amore per una serata romantica!

di Alessandro Bovo | 14 Febbraio 2019

Cinema gay

Boy Erased NON uscirà in Brasile, scoppia la polemica

La Universal non lo distribuirà a causa dei costi troppo alti per la campagna di lancio. Ma c'è chi parla...

di Federico Boni | 6 Febbraio 2019

Curiosità

Bollywood: arriva un film sull’amore tra due donne in India

Un film simile era uscito nel 1996, ma parte della popolazione reagì distruggendo i cinema che lo proiettavano.

di Alessandro Bovo | 4 Febbraio 2019