Omofobia, discussione alla Camera slitta dopo l’Europride

di

I deputati discuteranno la proposta di legge contro l'omofobia soltanto dal 13 giugno, quando l'Europride sarà concluso. Il ddl avrebbe dovuto iniziare la discussione proprio oggi.

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
1031 0

Slitta alla metà di giugno l’esame del testo sul contrasto all’omofobia nell’aula della Camera: lo ha stabilito la conferenza dei capigruppo di Montecitorio. Il provvedimento era in calendario per oggi, ma i capigruppo ne hanno spostato l’esame a partire dal 13 giugno, dopo il voto finale sul decreto legge sviluppo ma soprattutto dopo l’Europride.

Dopo essere stata respinta dalla Commissione Giustizia della Camera, la proposta di legge andrà alla Camera dei deputati nella sua versione base, e non quella per cui la deputata del PD Paola Concia aveva cercato di mediare per mesi. Il confronto, però, ha già evidenziato la difficoltà di varare il progetto normativo anche se consiste solo nell’introdurre un’aggravante per i reati commessi per motivi di omofobia o transfobia. PDL, Lega e UDC hanno infatti avanzato dubbi su una fantomatica discriminazione al contrario che si introdurrebbe nell’ordinamento verso altre categorie non protette come lo sarebbero gay, lesbiche e transessuali nel caso venisse approvata la legge.

Guarda una storia
d'amore Viennese.

Leggi   Il governatore Fedriga all'attacco: difenderà solo la famiglia tradizionale
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...