Omofobia, domani il voto sulla legge e il sit-in in piazza

di

Domani la legge contro l'omofobia arriva finalmente in aula. Sit in a partire dalle 15 in piazza Montecitorio.

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
1665 0

Rischia seriamente di essere "affossata" domani nell’Aula della Camera la proposta di legge sul contrasto all’omofobia. Per domani alle 16 è previsto il voto sulle pregiudiziali di costituzionalità sul testo, presentate da Udc, Lega e Pdl, che ha presentato a sua volta una questione sospensiva dell’esame. La convergenza dei voti di questi gruppi potrebbe far saltare il provvedimento oltre a quello di qualche "scontento" del Pd.

Dalle 15, invece, davanti a Palazzo Montecitorio ci sarà un nuovo sit in lanciato dal movimento lgbt a sostegno dell’approvazione della legge contro l’omofobia all’esame della Camera. "Mi auguro fortemente che domani – è l’appello di Paola Concia – i miei colleghi deputati non si vogliano nascondere dietro le pregiudiziali di costituzionalità presentate dal Pdl, Lega e Udc, per non affrontare il tema della violenza omofobica e transfobica che è ormai diventata una vera e propria emergenza nazionale, perché figlia della paura del diverso".

"Occorre ripartire dal testo bocciato in Commissione Giustizia, e che abbiamo ripresentato come emendamento, per dare un segnale al paese – spiega Concia – il Parlamento italiano deve chiarire, una volta per tutte, se sta dalla parte dei violenti o delle vittime". "Dopo l’attentato a sfondo intollerante di Oslo, inoltre, l’approvazione della legge contro l’omofobia e la transfobia – conclude – diventa quanto mai urgente; ormai e’ evidente il ruolo fondamentale della politica nel costruire gli anticorpi contro la cultura della violenza e dell’odio".

Gay.it seguirà il voto con una diretta Twitter dalla Camera.

Guarda una storia
d'amore Viennese.

Leggi   Spirit Day, Britney Spears al fianco dei giovani LGBT vittime di omofobia
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...