Omofobia in parlamento. È la prima volta.

La commissione Giustizia della Camera dei Deputati ha detto sì al provvedimento sullo stalking e l’omofobia. Per la prima volta in Italia un organo parlamentare legifera su gay e lesbiche.

La commissione Giustizia della Camera dei Deputati ha detto sì al provvedimento sullo stalking e l’omofobia. Adesso tocca all’assemblea dei deputati parlarne e votare il disegno di legge. La ministra per le Pari opportunità, Barbara Pollastrini ha chiesto al presidente di Montecitorio Fausto Bertinotti e al ministro per i Rapporti con il parlamento, Vannino Chiti, di considerare il dibattito su questo tema prioritario rispetto all’agenda dei lavori dell’aula. Ma quello che preoccupa di più è il passaggio successivo, cioè quello che coinvolgerà il voto dei senatori.

La maggioranza in Senato ha numeri risicati e i teodem hanno già dichiarato guerra al documento. E non certo per quanto riguarda lo stalking e le molestie sulle donne, ma per la parte relativa all’omofobia considerata una minaccia alla libertà di culto dai Senatori cattolici e del centro-destra.

La senatrice Paola Binetti ha già detto che "ognuno si prenderà le proprie responsabilità" e il suo collega Carra, portavoce dei teodem, prevede già che il voto sarà difforme da quello della Camera, ma aggiunge che "non ci sono problemi di maggioranza".

LEGGI ANCHE

Storie

Treviso, arriva la mozione anti-gay e anti-aborto

Solo poche settimane fa, Treviso era uscita dalla rete READY.

di Alessandro Bovo | 15 Febbraio 2019

Storie

Radio Globo torna a offendere le coppie omosessuali, la denuncia...

La nuova affermazione omofoba mentre era presente anche Fabrizio Marrazzo.

di Alessandro Bovo | 15 Febbraio 2019

Storie

Alessandro Zan presenta un’interpellanza urgente al premier sull’escalation di omofobia...

Qual è la posizione del premier Conte, di fronte a queste continue aggressioni?

di Alessandro Bovo | 15 Febbraio 2019