Omofobia, Udine capofila del progetto europeo

La Commissione europea finanzia a Equal Jus, il progetto contro omofobia e transfobia. Previsti un network tra avvocati, una banca dati giuridica, un centro di ricerca, un manuale giuridico.

L’Università di Udine coordinerà il progetto europeo, il primo del genere, per la tutela giudiziaria dei diritti lgbt. Lo scopo è quello di costituire una rete di professionisi dell’area giuridica e associazioni in grado di diffondere le strategie giudiziarie più adatte per difendere i cittadini gay, lesbiche, bisex e trans dagli atti omofobi e transofobi.

Equal Jus (European network for the legal support of LGBT rights), questo il nome del progetto, è stato approvato dalla Commissione europea (Direzione generale Giustizia Libertà e Sicurezza – Dipartimento Diritti fondamentali e Cittadinanza) e coinvolge Italia, Francia, Lituania e Polonia. A guidarlo è un gruppo di giuristi, coordinati dal responsabile scientifico Francesco Bilotta, del dipartimento di Scienze giuridiche dell’Università di Udine e già rappresentante di Rete Lenford, la rete di avvocati e giurisiti italiani già promotrice dell’iniziativa Affermazione Civile.

 

Sarà creata anche una banca dati giuridica on line con i casi giurisprudenziali più significativi e in più è prevista la costruzione di un centro di ricerca. Verranno prodotti inoltre un manuale giuridico e materiali formativi per i cittadini dei paesi coinvolti.

Il progetto Equal Jus durerà 18 mesi e ha un costo di 520 mila euro, 415 mila dei quali finanziati dalla Commissione europea.

Ti suggeriamo anche  Friuli Venezia Giulia, il gay pride arriva a Trieste