Omosessuali e lavoro: discriminazioni e diritti nell’era del jobs act

di

Avete fatto coming out a lavoro? Questionario di ANDDOS che prepara un convegno sul tema.

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
8347 0

Qual è la condizione dei lavoratori lgbt nell’Italia del Jobs Act? Se lo chiede il convegno indetto da ANDDOS che si terrà il 26 giugno a Bologna e che partirà dai risultati di un questionario, del tutto anonimo, che punta a rilevare le caratteristiche e problematiche della forza lavoro LGBT in Italia.

Il sondaggio, lanciato in collaborazione con il Circolo Eagle Nest – Red, è rivolto principalmente alle persone lesbiche, gay, bisessuali, trans maggiorenni che lavorano o hanno lavorato in Italia e rivolge loro domande relative alla loro esperienza lavorativa. Tra l’altro, si chiede quanto siano visibili sul posto di lavoro, se si siano mai verificati episodi di discriminazione a sfondo omofobico, se essere LGBT è un vantaggio o uno svantaggio nel mercato del lavoro oggi in Italia e se la situazione è cambiata negli ultimi 5 anni.

In Italia, l’indagine scientifica di tipo quantitativo non è particolarmente sviluppata su questi temi.

Nel 2011 e 2012 sono stato pubblicati due studi, che ora questa ricerca mira ad approfondire ed aggiornare: Io Sono Io Lavoro di Arcigay e Lavoro e minoranze sessuali in Italia: il punto di vista della popolazione generale .

“Chiediamo di rispondere a tutte le domande e con sincerità, perché non esistono risposte giuste o sbagliate – spiegano i promotori dello studio -. Le domande del questionario sono 15, sono tutte chiuse a crocette ed, in media, sono necessari circa 5 minuti per compilarle. Per raccogliere le risposte, è necessario arrivare alla fine del questionario e confermare l’invio. Abbiamo bisogno della collaborazione di tutti e di tutte per promuovere il questionario e raccogliere il maggior numero di questionari. Più questionari raccoglieremo, e più diversi tra di loro, migliore sarà la fotografia che avremo del fenomeno”.

Come detto, è necessario essere maggiorenni per partecipare all’indagine e il questionario è on-line è assolutamente anonimo. Le informazioni raccolte saranno utilizzate con la massima riservatezza e soltanto ai fini della ricerca. I risultati verranno presentati in forma aggregata, nel rispetto della normativa sulla privacy (decreto legislativo 196/2003, a Bologna in occasione del convegno La condizione dei lavoratori LGBT nell’era del jobs act: tutele legali e buone prassi. Inoltre, verranno successivamente pubblicati sui siti web di ANDDOS e Lelleri (che è il responsabile scientifico del progetto). I questionari si possono compilare qui fino al 13 giugno 2015.

Leggi   Caravaggio, Forza Nuova e fedeli contro il gruppo di preghiera gay
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...