L’Onu convoca il Consiglio di Sicurezza sull’Isis e l’uccisione di gay

Su iniziativa di Usa e Cile, il Consiglio si riunirà il 24 agosto: “Brutali attacchi”.

Il Consiglio di Sicurezza dell’Onu si riunirà il 24 agosto prossimo per affrontare la questione delle esecuzioni di persone ritenute gay da parte dell’Isis. Su iniziativa di Stati Uniti e Cile, le Nazioni Unite rivolgeranno la loro attenzione verso i “brutali attacchi” portati a termine dall’organizzazione estremista.

“Lo Stato Islamico ha preso di mira una particolare comunità – si legge nella convocazione dei due stati agli altri membri del Consiglio di Sicurezza – nell’apparente impunità e disattenzione della comunità internazionale: le persone LGBT (lesbiche, gay, bisessuali e transgeder) e quelle percepite come tali”.

Numerose, com’è noto, sonno state le esecuzioni di gay o presunti tali, da parte dei miliziani dell’Isis che sono soliti portare i sospettati sui tetti dei palazzi e lanciarli di sotto per finirli, una volta a terra, con la lapidazione.

L’incontro del 24 agosto rimane informale. Questo significa che la partecipazione dei membri del Consiglio di Sicurezza non è scontata, ma ognuno sceglierà se farlo o meno. È la prima volta che l’Onu si occupa della questione delle esecuzioni dell’Isis contro i gay.

Ti suggeriamo anche  Chiesa di Scozia, approvata una legge che consentirà le nozze same-sex