L’ONU avrà un Osservatorio per proteggere la comunità LGBT mondiale

L’Onu, dopo la strage di Orlando, si dota di un organismo ad hoc per tutelare i diritti delle persone omosessuali e transessuali.

L’Onu ieri ha stabilito che venga creato un organo sovranazionale per vigilare sui diritti delle persone LGBT nel mondo. Con 23 voti favorevoli, 18 contrari e 6 astenuti, il Consiglio dei diritti umani delle Nazioni Unite ha deciso di dar vita a uno speciale osservatorio per i diritti civili della nostra comunità.

Il ruolo di osservatore sarà ricoperto da un esperto “indipendente” che si dovrà occupare di tenere sotto controllo “la violenza e la discriminazione basate sull’orientamento sessuale e sull’identità di genere”. Una svolta fondamentale, per andare oltre le iniziative una tantum e le misure frammentarie. L’istituzione di un meccanismo di protezione dedicato ad affrontare le violazioni dei diritti umani connesse all’orientamento sessuale e all’identità di genere è, secondo l’Onu, un passo divenuto necessario per affrontare con urgenza i gravi abusi compiuti nelle diverse zone del mondo. In due precedenti risoluzioni, il Consiglio dei diritti umani delle Nazioni Unite si era limitato a preparare relazioni che esaminavano i diritti LGBT.

Il lavoro da portare avanti sarà estremamente impegnativo. L’esperto indipendente designato dovrà condurre visite periodiche nei diversi Stati per valutare lo stato dei diritti LGBT, dovrà confrontarsi con i difensori dei diritti umani sul campo e in modo costruttivo e dovrà coinvolgere funzionari, diplomatici e esponenti dei governi per attuare le riforme. L’esperto On potrà anche periodicamente riferire all’Assemblea generale delle Nazioni Unite in merito a questioni più specifiche nell’ambito del suo mandato. L’esperto indipendente sarà anche in grado di emettere comunicazioni private ai governi, ad esempio in situazioni di emergenza, quando la vita di un individuo può essere a rischio.

Storie

Giovanna Vivinetto, l’insegnante trans licenziata denuncia la scuola

Parte la denuncia ai danni della scuola Kennedy di Roma, dove Giovanna era insegnante.

di Alessandro Bovo