Ostia, consigliere di Casa Pound rimuove bandiera rainbow: ‘un’idiozia, una prevaricazione’

Luca Marsella, consigliere del X Municipio di Roma, ha annunciato con orgoglio sui social di aver fatto sparire una bandiera rainbow dall’aula consiliare.

Oltre al leghista Alessandro Pagano, che ha detto di no ad una legge contro l’omofobia perché a suo dire sarebbe assurdo punire delle ‘opinioni‘, la Giornata internazionale contro l’Omo-Bi-Transfobia è stata macchiata da un altro esponente politico italiano.

Luca Marsella, consigliere del X Municipio di Roma (Ostia) nonché rsponsabile di CasaPound sul litorale, ha infatti annunciato con orgoglio sui social di aver fatto sparire una bandiera rainbow dall’aula consiliare a trazione 5 Stelle.

Stamattina entro in aula e trovo la bandiera arcobaleno accanto al tricolore. Chiedo cosa significhi, magari è in solidarietà ai palestinesi uccisi in questi giorni. Scopro invece che è semplicemente lì contro estremismi e discriminazioni. Ho tolto quella bandiera messa dal M5S, che in un’aula istituzionale non c’entra nulla e rappresenta soltanto una prevaricazione. Se volete dimostrare coraggio, domani portate la bandiera della Palestina. E basta con queste idiozie, pensiamo ai problemi di Ostia‘.

Non contento, e probabilmente convinto di risultare ‘simpatico’, Marsella ha annunciato che ‘prima o poi’ toglierà ‘pure la foto di Mattarella’, Presidente della Repubblica. Da parte di Giuliana Di Pillo, Presidente grillina del Municipio X di Roma, nessuna replica.

Ti suggeriamo anche  Texas, miliardi di dollari buttati a causa delle leggi omofobe