Ostia e Napoli, due Pride da 50.000 persone per dire sì ai diritti e stop alle mafie

di

Due Pride gemellati contro tutte le mafie. E l'Onda Pride 2018 non è ancora finita.

CONDIVIDI
648 Condivisioni Facebook 648 Twitter Google WhatsApp
2397 0

20.000 partecipanti ad Ostia, altri 30.000 a Napoli.

E’ stato un altro straordinario sabato di orgoglio LGBT quello vissuto nel Bel Paese, grazie al Napoli Pride e al Lazio Pride, quest’anno sbarcato ad Ostia. Sul litorale laziale sono accorsi in migliaia, superando qualsiasi aspettativa.

Un Pride molto importante per Ostia e per il Lazio – ha dichiarato il portavoce Fabrizio Marrazzooggi abbiamo dato una risposta a chi nega diritti alle persone lesbiche, gay e trans, a chi fa azioni di bullismo, violenza ed alla mafia. Infatti, il tema della mafia è stato scelto perché Ostia è un territorio ferito dalla mafia, e perché molti ragazzi e ragazze lesbiche, gay e trans abbandonati dalle famiglie, vengono sfruttati dalla mafia ed utilizzati per i loro interessi. Con il Pride di oggi abbiamo lanciato un grido di libertà e non ci fermeremo ad oggi, ringrazio tutte le istituzioni che oggi hanno ribadito la volontà di candidare le loro città per il 2019.

Grandissima affluenza anche a Napoli, per il 2° Pride del weekend contro le mafie, guidato ancora una volta dal sindaco Luigi de Magristris.Ieri la città di Napoli ha ospitato “Il Medeterranean Pride of Naples”, in difesa dei diritti civili, delle istanze delle persone LGBT e in difesa dei valori fondamentali della nostra Costituzione“.

Queste le parole social espresse dal primo cittadino, che lungo il cortro era così andato all’attacco del Governo gialloverde. “Siamo qui per le libertà civili, per l’uguaglianza, per la non discriminazione. Sbagliano coloro i quali pensano che ci siano delle persone che devono avere meno diritti rispetto agli altri. Ed è grave che esponenti del Governo non rispettino uguaglianza tra persone, non rispettino la Costituzione italiana. Napoli come città, come amministrazione, è sempre stata in prima linea per i diritti, ed è diventata la città dell’amore“.

Ma non è certamente finita la strepitosa Onda Pride 2018 all’italiana, con Rimini e Campobasso pronte a scendere in strada sabato 28 luglio.

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...