PADOVA PRIDE CON POLEMICHE

All’ultimo minuto il Comune nega la sala per le conferenze, mentre Forza Nuova tappezza la città con manifesti pieni di insulti omofobi. Ma Zan rilancia: ci costituiremo parte civile.

PADOVA – 31 maggio 2002, è il giorno della conferenza stampa organizzata da PadovaPride per presentare le attività previste per gli ultimi giorni prima della grande sfilata dell’8 giugno. L’arrivo trafelato di Alessandro Zan, portavoce del Pride di Padova, alla Sala Gruppi di Palazzo Moroni, presagisce notizie poco rassicuranti. Zan esordisce alla conferenza stampa con un breve preambolo sulle nuove dal fronte: "Denuncio, innanzitutto, il tentativo di ostacolare la manifestazione perpetrato dall’Amministrazione Comunale, in quanto, da una delibera del Consiglio Comunale dello scorso lunedì 27, si evinceva che il Sindaco Giustina Destro non avrebbe concesso l’uso della Sala Anziani per le conferenze nell’ambito del Pride, previste per il 5, 6, 7 giugno" – prosegue Zan – "Questo tentativo di sabotaggio veniva velato dalla pseudo ristrutturazione della sala in questione. Quando si sa benissimo che la Sala Anziani è di recente ristrutturazione, inoltre, nella sala saranno terminati i lavori proprio in concomitanza della fine della manifestazione, dato che è in concessione per una conferenza prevista per il 10 giugno."

"L’organizzazione del Padova Pride ha intenzione di svolgere le conferenze, comunque, ma in segno di protesta verranno allestite nella piazza attigua al Comune. C’è da notare che la conferenza prevista per venerdì 7 è patrocinata dal Senato!"

Ti suggeriamo anche  Dai frati cappuccini di Bergamo l'evento anti-LGBT con la dottoressa omofoba De Mari e Luca "era gay" Di Tolve

In sala è presente, come unico esponente del Consiglio Comunale, Dario Marini: "Sono fermamente convinto che tale comportamento è la prova della malafede e della codardia del Sindaco. Solleverò una mozione durante il Consiglio nella seduta del prossimo 10 giugno. Dato che per motivi, che non si hanno da sapere, il Consiglio ha deciso di saltare la consueta riunione settimanale proprio lunedì 3. Tutto ciò porta a pensare che il Sindaco non ha avuto coraggio di manifestare il proprio pensiero sul fatto e maschera le proprie idee sino a non concedere la Sala Anziani per motivi futili. Anche se il Sindaco, nell’unica dichiarazione, sul Pride, elargita durante un Consiglio Comunale, s’impegnava a mettere la buona volontà e propositi per la manifestazione."

La parola passa nuovamente a Zan "C’è un altro fatto che volevo sottoporre alla Vostra attenzione", a questo punto i membri dell’organizzazione alzano un manifesto firmato da Forza Nuova ed affisso per la città in questi giorni, con soscritte frasi ingiuriose e contro la manifestazione, nonché una foto di un uomo ed un ragazzo che si baciano. "L’organizzazione del Padova Pride intende presentare denuncia alla Procura della Repubblica, costituendosi parte civile, per ingiurie, calunnia e diffamazione. Chiediamo al Sindaco di emettere un’ordinanza, affinché vengano banditi tali manifesti dalla Città."

Sulla scia prende la parola l’Avvocato Maria Pia Rizzo, che da anni si occupa dei diritti civili ed è sempre stata vicina al movimento gay: "Se la curia sta mantenendo un atteggiamento civile e tollerante unendo un clima di riconciliazione, il Sindaco, dal canto suo, ha il dovere, in base all’Art. 21 della Costituzione, di mantenere la manifestazione del libero pensiero, e al contempo la pace pubblica e sociale. Nel caso in esame vi è un palese atteggiamento razzistico. In tal senso stiamo valutando di presentare un esposto, in quanto riteniamo che un manifesto di questo tipo induca a pensare che all’omosessualità debba essere associata la pedofilia, inoltre, le scritte sono alquanto diffamatorie." – replica – "Vi è la ferma volontà di ristabilire la verità dei fatti con Forza Nuova. Richiameremo con appelli diretti o tramite i mass media Forza Nuova. Non temiamo assolutamente la contro manifestazione e il comizio di Forza Nuova, in quanto è da considerarsi un atto politico."

Ti suggeriamo anche  Roma, cacciato da un taxi: 'froc*o scendi dalla mia auto'

La conferenza prosegue senza sosta con gli interventi, seppur brevi, di Laura Balbo, ex Ministro per le Pari Opportunità, e di Marina Bastianello, presidente dell’Arci N. A. Veneto, illustrando il programma di "Porta Corte" in concomitanza con il Pride. Conclude Alessandro Zan puntando l’accento sulle conferenze, gli spettacoli teatrali, ed il Rainbow Party in Fiera "Siamo contenti che un Ente come Padova Fiere abbia sponsorizzato la manifestazione. Mentre da parte dell’Amministrazione Comunale è stato negato anche il contributo per la fornitura dell’energia elettrica."