Paola Concia: “Pronto un disegno di legge contro l’omofobia”

La deputata del PD già a lavoro. Presentata un’interrogazione al ministro degli Interni per chiedere cosa intenda fare contro le violenze alle persone LGBT ed ha già redatto un testo per una norma.

Il governo non è ancora formato, ma la voglia di lavorare e di non fare calare l’attenzione su certi temi, a Paola Concia non manca di certo."Ho presentato la mia prima interrogazione parlamentare al Ministro degli Interni e al Presidente del Consiglio – ha dichiarato la neodeputata del PD e portavoce del Tavolo LGBT della stessa formazine – per sapere quali misure concrete intenda adottare a tutela dell’integrità delle persone lesbiche, gay e trans e dei loro luoghi di ritrovo e rappresentanza, anche attraverso specifiche azioni socio-culturali e formative rivolte, ad esempio, al personale delle forze dell’ordine e, più in generale, alla pubblica amministrazione".

Il tema della violenza omofobica è uno di quelli che lo scorso governo ha lasciato in sospeso senza riuscire ad approdare, a causa della crisi, ad una soluzione legislativa. "Nei mesi scorsi abbiamo assistito a numerosi episodi di intimidazione e violenza verso la comunità omosessuale. Il 18 febbraio lo storico bar gay di Roma Coming Out, da anni luogo di ritrovo di persone lesbiche, gay e trans è stato assaltato da ignoti che, nel corso della notte, hanno provocato un incendio; due mesi dopo, il 17 aprile un gruppo di estremisti si è introdotto all’interno del circolo di cultura omosessuale Mario Mieli, mettendo a soqquadro parte dei locali al grido di ‘froci, froci!’ e ‘viva il duce’. Per questo – ha concluso Concia – tra pochi giorni, depositerò in Parlamento una proposta di legge contro l’omofobia anche nei luoghi di lavoro e nelle forze armate".

Storie

Milano Pride 2020: un ALTRO PRIDE nella forma ma non nella sostanza

L’edizione 2020 di Milano Pride sarà contraddistinta da un programma di eventi virtuale che contribuirà attivamente alla ripresa della città con un’attività di fundraising.

di Federico Boni