Papa Francesco ignora il Congresso di Verona e incontra una delegazione LGBT

Condivide “la sostanza” del Congresso delle Famiglie, ma incontrerà presto dei rappresentanti della comunità LGBT.

Riguardo al Congresso delle Famiglie, Papa Francesco si era limitato a dire che ne condivideva la sostanza, ma non le modalità. Anche per questo motivo, non ha fatto altre dichiarazioni sull’evento che si è concluso ieri. Se non accettare la presenza di alcuni uomini di chiesa, come ad esempio il Vescovo di Verona Zenti. Il quale aveva affermato ai giornali che l’aborto equivale a un omicidio e di non dover associare le unioni civili al matrimonio.

Invece, sembra ormai confermato che il vescovo di Roma incontrerà questa settimana una delegazione delle associazioni LGBT. Nel corso di un’udienza privata. Niente appuntamenti con gli attivisti del Congresso delle Famiglie, per i quali non è stato ufficializzato alcun incontro. Le tempistiche di tale decisione potrebbero confermare l’ipotesi che papa Francesco intenda davvero lanciare un significativo segnale ai partecipanti dei 3 giorni di Verona, e l’esito dell’incontro si saprà ufficialmente venerdì, quando l’ufficio stampa del Pontefice ha annunciato un discorso pubblico. Che è già stato definito “storico”.

Sarà un incontro storico quello tra comunità LGBT e Papa Francesco?

Un’udienza privata è una grande segnale non solo dopo il Congresso, ma anche per tutta la comunità LGBT e la società, in particolare per quella cattolica. Coloro che erano presenti a Verona, molti fedeli e molti uomini di chiesa, come prenderanno questa decisione da parte di Papa Francesco? E cosa penseranno dopo il discorso che terrà venerdì? E ancora, cosa penseranno invece quei cardinali più conservatori, convinti che dietro gli abusi sessuali all’interno del Vaticano si nascondeva un gruppo di omosessuali che stava infangando la Chiesa?

Ti suggeriamo anche  Congresso delle Famiglie oggi al via, ecco il programma di giornata

Già quest’ultimi, al meeting straordinario riguardanti proprio le violenze sessuali compiute su minori, avevano criticato duramente il Papa per non aver parlato di omosessualità, fatto che se accaduto avrebbe avviato così una vera e propria “pulizia”, cacciando dal seminario i preti omosessuali. Per sapere di più su quello che accadrà nei prossimi mesi, basterà quindi attendere il fine settimana.