Parigi: annullato concerto cantante reggae omofobo

Il Garance Reggae Festival, previsto sabato al Parco delle esposizioni di Parigi, è stato cancellato nonostante fossero già stati venduti 15.000 biglietti: doveva ospitare Sizzla.

PARIGI – Il Garance Reggae Festival, previsto sabato al Parco delle esposizioni di Parigi, è stato cancellato nonostante fossero già stati venduti 15.000 biglietti. A causare la cancellazione la presenza – fra la decina di artisti in programma – di Sizzla, cantante giamaicano, accusato da diverse associazioni omosessuali di proporre canzoni dal contenuto omofobo.

La direzione del Parco ha infatti annullato la serata “a causa di rischi per l’ ordine pubblico”, dopo che aveva ricevuto “numerose reazioni negative” via e-mail, segnali di una “forte mobilitazione della comunità omosessuale e delle associazioni contro il razzismo”. A sostegno delle loro proteste le organizzazioni hanno citato pezzi di canzoni di Sizzla, che incitano, fra le altre cose, a “bruciare i pederasti”. Altro cantante giamaicano accusato di discorsi omofobi nelle sue canzoni è Capleton, che ha dovuto annullare nove concerti previsti in Francia nelle ultime settimane. Lui si difende, su Le Monde, parlando di un contenuto “metaforico” delle sue canzoni. “E’ sempre il reggae di Bob Marley – ha detto Capleton – una musica d’ amore, una musica che predica la via, la salvezza, una musica che parla della redenzione e della liberazione”.