Parma, il sindaco Pizzarotti riconosce i figli di quattro coppie gay

“Donare felicità e amore non può e non deve essere rivoluzionario”, il commento a caldo del primo cittadino di Parma.

Un Natale di felicità per quattro famiglie di Parma.

Il sindaco Federico Pizzarotti, ex 5 Stelle, ha infatti riconosciuto i figli di quattro coppie gay, proprio a pochi giorni dal 25 dicembre.

Oggi è una data che non dimenticherò facilmente“, ha scritto sui social Pizzarotti. “Donare felicità e amore non può e non deve essere rivoluzionario. Quando la società corre più veloce della politica, è la politica a doversi adeguare ai cambiamenti della società, con il pensiero rivolto sempre verso i diritti della persona. Un diritto in più per un bambino o bambina, per una coppia che si vuole bene, non può e non deve essere visto come un torto per altri. Quando c’è amore la necessità è più forte di qualsiasi altra cosa. Parma è ancora una volta città dei diritti e della civiltà“.

L’anagrafe ha il compito di cogliere le esigenze di una società in continuo mutamento”
, ha continuato il vicesindaco, con delega ai Servizi Demografici Marco Bosi. “Quella di Parma è considerata all’avanguardia sotto vari aspetti e oggi ha voluto compiere un altro passo avanti, attraverso il riconoscimento di famiglie che esistono, nonostante la politica non abbia ancora avuto il coraggio di riconoscerle a pieno”.

Eletto nel 2012 come primo storico sindaco grillino di un capoluogo di provincia, Pizzarotti è stato cacciato dal Movimento 5 Stelle nel 2016. L’anno dopo, alla guida di una lista indipendente, è stato rieletto sindaco di Parma.