Parte alla grande Friendly Versilia

di

Nuovi locali e vecchi amici per avviare l'estate più gay d'Italia.

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
841 0

Torre del Lago capitale del turismo gay d’Europa. Regina delle notti alternative. Fino a ieri. Da stasera, infatti, il popolo alternativo – soprattutto quello omosex – si sposta sulla Passeggiata. In piazza Campioni, all’interno dell’ex Caffè Liberty – oggi Evita – prima discoteca di tendenza del viale a mare che poco prima di mezzanotte inaugura «Alien beach», notti trasgressive con drag queen, strip tease maschili e femminili, musica di ultima generazione. E ad animare i sabati sera «diversi» della costa arriva tutto quello che in inverno ha stuzzicato i palati dei fiorentini e dintorni alla discoteca «Mesa loca» di Campi Bisenzio che, per qualche mese, cede il passo al divertimento in riva al mare (o quasi).

Guai, però, a parlare dell’Evita (o dell’Alien beach, se volete) in termini di discoteca esclusivamente omosex. L’ingresso è aperto a tutti, anche se la selezione alla porta sarà severissima «perché – sottolinea l’organizzazione – non vogliamo che entri nessuno a disturbare o a prendere in giro i nostri clienti».

Il debutto di «Alien beach» è affidato stasera alle mani di una dj tutta al femminile, Manu, e di Daniele Metropole che animeranno questa serata dichiaratamente alternativa. Il calendario di giugno, comunque, propone serate tutte a tema (ingresso 25mila lire, ridotto 20mila), con la trasgressione a fare da filo rosso fra ogni sabato: il 9 giugno, ad esempio, la notte sarà dedicata agli strip tease maschili e femminili, mentre il 16 approderanno in città, con il loro camper leopardato, le Drastic Queen. Per il 30 giugno, ad esempio, è già fissato un pareo party, mentre il 18 di giugno è in cartellone la serata ufficiale del Gay Pride, dell’orgoglio omosessuale. Quello stesso orgoglio che l’anno scorso a Roma, a luglio, suscitò un vespaio e non poche tensioni con il Vaticano.

Ma sulla costa queste cose poco importano. La verità è che il turismo gay è un business sempre più forte in Versilia e a Viareggio (Torre del Lago incluso) in particolare. Non è un caso, ad esempio, che il presidente nazionale di Arcigay, il neo deputato Franco Grillini, abbia deciso di iniziare il suo tour nelle comunità omosessuali d’Italia proprio stasera dal capoluogo versiliese, prima con una tappa al circolo culturale I fenicotteri, poi con un tuffo fra i locali di viale Europa a Torre del Lago. Senza considerare che a giorni uscirà la nuova guida Friendly Versilia, diventata un «cult» nel circuito internazionale (sempre più ampio) del turismo gay. Ma non solo da punto di vista dei clienti, dei turisti. Dice Alessio De Giorgi, presidente regionale di Arcigay: «Quest’anno la guida sarà più ricca di indirizzi perché l’adesione all’iniziativa da parte di proprietari di locali, negozi e imprenditori vari è sempre più massiccia». Non stupisce, quindi, che un locale come l’Evita abbia deciso di dedicare i propri sabati alla trasgressione. Intanto il cartellone è stato deciso per giugno, ma se i risultati delle notti omosex sarà quello sperato il locale resterà alternativo per tutta la stagione.

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...