Parte iter legge toscana anti-discriminazione

di

Si è svolta oggi la prima discussione sulla legge regionale toscana contro le discriminazioni per orientamento sessuale, voluta da Arcigay e accolta dalla maggioranza.

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
774 0

FIRENZE – Si è svolta oggi la prima discussione sulla legge regionale toscana contro le discriminazioni per orientamento sessuale, voluta da Arcigay Toscana e altre associazioni glbt della regione e accolta dalla maggioranza di centro sinistra. Le commissioni competenti si sono finalmente incontrate oggi, dopo mesi di rinvio, per affrontare la discussione sul testo finale della proposta di legge così come fu approvata dalla giunta regionale il 12 maggio 2003.
Le opposizioni hanno cercato di creare intralci all’iter della legge: l’Udc ha avanzato una eccezione di competenze, sostenendo che su alcuni punti della legge non sta alle Regioni legiferare. L’eccezione è stata respinta, ma l’Udc anche sollevato un problema relativo al fatto che non è stata convocata, in sede consultiva, la Conferenza Episcopale Toscana. A questa nuova obiezione, qualche consigliere della maggioranza ha un pò ironicamente risposto sostenendo che non risulta che i Vescovi si siano mai occupati di lotta alla discriminazione per orientamento sessuale, sottolineando come molto più correttamente sono stati chiamati per le audizioni le associazioni glbt toscane e i sindacati.
Infine Forza Italia ha chiesto e ottenuto un rinvio della discussione, motivato con il fatto di non aver avuto in nove mesi il tempo di leggere la proposta di legge. Le commissioni si riuniranno nuovamente tra due settimane.

Leggi   Portavoce di Trump allontanata da un ristorante, la titolare: "L'ho fatto per i miei dipendenti gay"
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...