Pedofilia: condanna a 10 anni per Don Pezzini

di

Accusato da un giovane originario del Bangladesh, il prete vicino ai gruppi digay credenti, è stato condannato dal GUP di Milano. Respinta la richiesta di domiciliari. Alla vittima,...

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
2204 0

Giudicato con il rito abbreviato dal GUP di Milano, Don Domenico Pezzini è stato condannato a 10 anni di carcere in seguito alle accuse rivoltegli da un giovane originario del Bangladesh. Per il prete di Lodi, la difesa aveva chiesto gliarresti domiciliari presso una comunità monastica, richiesta rigettata dal giudice per l’udienza preliminare. Il prete, secondo l’accusa, avrebbe abusato tra il 2006 e il 2009 di un ragazzino che all’epoca dei fatti aveva meno di 14 anni. Il pm di Milano, Cristiana Roveda, aveva chiesto otto anni e mezzo di carcere, mentre l’avvocato, Mario Zanchetti, aveva chiesto l’assoluzione e il subordine di trasferimento dal carcere in una comunità. Alla vittima è stata concesso un risarcimento di 50mila euro.

Don Pezzini, prete molto conosciuto nella comunità lgbt per il suo impegno a fianco dei gay credenti, avrebbe abusato del ragazzo nella sua abitazione di Milano. Secondo l’accusa il religioso avrebbe avvicinato il ragazzo, che viveva in una situazione di degrado, in un parco, offrendogli una possibilità di aiuto. In realtà, approfittando della debolezza psicologica del minore, avrebbe abusato di lui più volte per circa tre anni. Nel corso delle indagini, era arrivata in Procura un’altra denuncia per abusi sessuali a carico del prete, presentata da uno straniero che ha raccontato di aver subito violenze una quindicina di anni fa, quando era minorenne. Fatti prescritti, ma che l’accusa ha usato come ulteriore elemento per confermare il quadro probatorio nel processo.

Leggi   Erba, chiede silenzio in piscina e viene aggredito: 'brutto froi*o di merda, quelli come te vanno pestati a sangue'
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...