PERICOLO ZONE PROIBITE. 2) L’EGITTO

Nessun problema per gli occidentali, ma per gli egiziani essere gay significa arresto, torture, processo, condanna. Insorgono le associazioni a difesa dei diritti: ‘Turisti, non andate in Egitto‘.

"Boicottate l’Egitto". Con questa esortazione la maggior parte delle associazioni di diritti umani e gay reagiscono alla sentenza che ieri ha condannato 23 dei 52 uomini imputati nel processo antigay del Cairo a pene de uno a cinque anni di reclusione. Amnesty International, Al Fatiha, la più grande organizzazione di omosessuali musulmani (clicca qui per l’articolo relativo), Arcigay italiana e GayEgypt.com, hanno invitato la comunità omosessuale internazionale a escludere completamente l’Egitto dalle mete del turismo gay: se questa azione di boicottaggio riuscirà, il costo di questo verdetto di colpevolezza per l’industria del turismo egiziana sarà devastante. Secondo alcune previsioni sul numero di turisti che potrebbero decidere di non andare in Egitto, il governo si troverebbe ad affrontare un mancato afflusso di denaro nella nazione pari a circa 500 milioni di dollari in un anno, più di mille miliardi di lire.

Dopo la sentenza, le organizzazioni a difesa dei diritti gay sono insorte: l’International Gay and Lesbian Human Rights Commission ha fatto appello al presidente egiziano Mubarak (foto) perché conceda la grazia ai condannati, e chiede la liberazione immediata di quelli giudicati innocenti. L’ILGA-Europe si è detta "sconvolta" dal verdetto, e ha annunciato che farà pressioni presso tutte le massime cariche della Unione Europea perché l’Egitto cessi ogni violazione dei diritti umani. SOS Homophobie, associazione francese che lotta contro i soprusi a danno dei gay (clicca qui per l’articolo relativo), ha accusato il governo egiziano di stigmatizzare l’omosessualità presunta o reale per distogliere l’attenzione della popolazione dai problemi economici, e di aver condannato i gay o presunti tali per dare un segno di fermezza agli integralisti islamici.

La tormentata vicenda ha avuto inizio la notte dell’11 maggio scorso, quando la Polizia ha fatto irruzione in una discoteca galleggiante sul Nilo al Cairo, la "Queen Boat" (foto), che si sospettava ospitasse una informale festa gay.

Molti clienti sapevano che si trattava di una serata gay, anche se non era stata pubblicizzata come tale. La polizia ha arrestato i frequentatori egiziani, lasciando indisturbati quelli stranieri. Cinquantadue uomini, tra i quali persino un ragazzo di 15 anni, che ha sempre dichiarato di non essere stato alla Queen Boat, sono stati torturati e picchiati.

Ti suggeriamo anche  Malak al-Kashif, la ragazza trans arrestata e vittima di abusi e violenze in un carcere maschile in Egitto

La prigione di Tora, nota al Cairo per essere luogo di tortura e di infezioni epidemiche, ha ospitato i 52 uomini per i sei mesi che sono passati dal loro arresto fino al verdetto finale di ieri 14 novembre. Pare che gli uomini, giunti nella prigione, siano stati costretti a definirsi "attivi" o "passivi" e che siano stati divisi in celle in base a questa distinzione. Nella prigione di Tora non ci sono spazi riservati alle toilette, e i bisogni vengono espletati sotto lo sguardo degli altri detenuti. Molte forme di tortura vengono praticate nelle celle, tra cui pestaggi, elettroshock, bruciature di sigarette e abusi sessuali.

La legge egiziana non vieta l’omosessualità, ma questo processo ha fatto capire in maniera molto chiara che atteggiamento il governo intenda adottare nei confronti della questione dei diritti dei gay. Gli imputati hanno subito un processo, iniziato il 18 luglio a porte chiuse, da molti giudicato iniquo. Anche il comportamento della polizia è stato giudicato da più parti persecutorio. Gli stessi ufficiali di polizia che hanno condotto questo caso erano stati sotto i riflettori un anno fa per un caso quasi identico, risoltosi con una completa assoluzione per mancanza di prove.

Inoltre, numerosi ulteriori arresti di egiziani sospettati di omosessualità sono stati condotti dalla polizia in questi mesi: persino i siti internet sarebbero stati monitorati dalle forze dell’ordine per risalire agli appuntamenti segreti della comunità gay. Anche la stampa egiziana ha seguito il caso con morbosa indiscrezione, rivelando tutto quello che si poteva rivelare della vita degli imputati, senza nessuna tutela della loro privacy. I 52 sono stati ritratti sui giornali come dei pervertiti e immorali, e contro di loro si è scatenata l’opinione pubblica egiziana.

Ti suggeriamo anche  Egitto, blitz della polizia a una festa: arrestati nove uomini gay

Il caso dei 52 egiziani è durato sei mesi, e si è risolto ieri, con una condanna di 23 imputati a pene che vanno da uno a cinque anni di carcere e lavori forzati, condanna letta durante un’udienza caotica e rumorosa. Sarah El Deeb, giornalista della Associated Press, ha denunciato che "la maggior parte di loro non è riuscita a sentire che condanna riceveva". Il giudice Mohammed Abdel Karim ha letto le sentenze velocemente, ignorando le proteste degli imputati e dei loro parenti. Ha avuto un momento di piccolo imbarazzo solo quando parecchi imputati hanno urlato "Ci appelliamo a Dio! E’ lui il nostro difensore!".

Uno degli imputati, Mahmoud Ahmad Allam, che è stato accusato di "offese alla religione" ma assolto dall’accusa di "sesso immorale", ha ricevuto una condanna a tre anni, mentre Sherif Farahat, ex-ingegnere della IBM e artista dilettante, considerato il capo del gruppo, è stato condannato a cinque anni di lavori forzati.

Un giornalista della CNN ha descritto la grande confusione che c’era fuori dal tribunale: "Solo a poche persone è stato permesso di entrare in aula. La polizia ha tenuto lontana una folla di circa 200 parenti usando i manganelli, e ha chiuso le porte del tribunale. I parenti degli imputati… hanno preso a spintoni i giornalisti venuti per il processo, accusandoli di diffamare gli accusati. Gli imputati sono entrati nell’aula coprendosi il viso con maschere e giornali".

Ti suggeriamo anche  Egitto: 27 persone arrestate con l'accusa di omosessualità per essere andate al concerto dei Mashrou' Leila

Secondo Fox News i parenti di coloro che sono stati assolti erano raggianti di gioia. "Quando sono arrivate notizie della sentenza a pezzi e bocconi da chi usciva dall’aula, una donna anziana ha distribuito festosamente dolci e bevande, dicendo che aveva sentito che suo figlio era tra gli assolti".

Dolore e terrore invece per le famiglie e gli amici dei 23 uomini ora condannati a lunghe permanenze in carcere. Ma anche per chi è stato rilasciato l’incubo non è finito: alcune fonti del tribunale hanno riferito a Afrol news, una rivista informativa africana, che "l’accusa può presentare appello entro trenta giorni contro le sentenze di assoluzione", mentre per le sentenze di colpevolezza non esiste appello. La vita degli imputati, anche dei 29 assolti, è comunque segnata: GayEgypt.com ha offerto a uno di loro il viaggio e un mese di permanenza a Londra, per dargli la possibilità di ricominciare una vita normale.

Il caso della Queen Boat potrebbe essere solo la punta di un iceberg, che, con la detenzione di tanti innocenti, i loro maltrattamenti e l’iniquo processo, dimostra le violazioni della Carta della Nazioni Unite sui Diritti Umani condotte dall’Egitto, che pure è tra i suoi firmatari. Probabilmente, con l’attenzione internazionale focalizzata sui problemi del terrorismo, Mubarak ha pensato di poter fare a meno del rispetto dei diritti umani. Inaccettabile. Gay.it si impegna, come si è impegnata prima della sentenza, a dare il proprio contributo affinché anche in Egitto, nazione a noi vicinissima e con la quale l’Europa intrattiene molte relazioni diplomatiche, le persone omosessuali possano vedere rispettati i propri diritti fondamentali.

Per vedere tutte le notizie sulla vicenda clicca qui