Peter Buttigieg, il sindaco gay che sogna la Casa Bianca

Sposato con un uomo e sindaco dall’età di 29 anni, Peter Buttigieg potrebbe diventare il primo Presidente USA dichiaratamente gay.

Peter Buttigieg, sindaco apertamente gay di South Bend, in Indiana, ha annunciato che non correrà per un terzo mandato.

Il suo nome è così rapidamente diventato uno dei papabili candidati democratici per le presidenziali del 2020, quando qualcuno dovrà sfidare Donald Trump. 36 anni e un marito, Buttigieg si è rifiutato di confermare i rumor dalle pagine dell’Associated Press, mantenendosi comunque disponibile ad un’eventuale corsa per la Casa Bianca.

“Non penso sia un segreto che stiamo monitorando la situazione, e continueremo a farlo anche nel 2019”.

Nel mese di febbraio Peter pubblicherà un libro di memorie, con il lancio pubblicitario che potrebbe vederlo scendere ufficialmente in pista per le primarie democratiche. Astro nascente del partito, Buttigieg è diventato sindaco ad appena 29 anni, nel 2011. Nel 2014 ha servito come ufficiale della riserva navale in Afghanistan, mentre nel 2015 ha fatto pubblicamente coming out. Cinque mesi dopo è stato rieletto sindaco con oltre l’80% dei voti. Nel giugno scorso, infine, ha sposato l’amato Chasten Glezman nel giorno del Pride cittadino.

Perché non lui, giovane, orgogliosamente e dichiaratamente omosessuale, apprezzato primo cittadino, ex militare, marito e democratico, per contrastare l’omofobo, sessista, razzista, pluri-divorziato e repubblicano Trump?

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Pete Buttigieg (@pete.buttigieg) in data: