Pink, ‘sto crescendo i miei figli con un’educazione gender neutral’

Pink orgogliosa della figlia Willow, che da grande vorrebbe ‘sposare una donna africana’.

Da anni, oramai, Pink sostiene l’importanza di un’educazione ‘gender neutral’ per le nuove generazioni.

Non a caso la popstar ha ribadito il concetto nel corso di una nuova intervista al magazine Sunday People, sottolineando come lei e suo marito Carey Hart stiano educando Willow, nata sei anni fa, e Jameson, ultimo arrivato 11 mesi fa, seguendo proprio questi dettami.

Ero in un asilo nido e fuori dal bagno c’era scritto: ‘Gender Neutral – Chiunque‘, con un disegno dalle mille forme. Ho pensato fosse fantastico. Mi piace che i bimbi stiano avendo questa educazione. La scorsa settimana Willow mi ha detto ‘Mamma, voglio sposare una donna africana da grande‘ e io ho risposto ‘Bene, potrai insegnarmi tante cose sulla cucina africana allora!‘. “E lei mi ha risposto, ‘Certo, mamma. E vivremo con te mentre costruiscono la nostra casa’“.

Una famiglia poco convenzionale, aperta al rispetto e alle diversità, con la piccola Willow icona di stile a sei anni appena e Pink sempre più mamma orgogliosa. Agli ultimi MTV VMA 2017 la popstar ha commosso la platea e gli spettatori a casa con un commovente discorso in difesa della primogenita, derisa dai compagni di scuola perché a loro dire maschile nel look e nei comportamenti.

“So di non avere molto tempo, ma di recente stavo portando mia figlia a scuola e lei mi ha detto ‘Mamma, sono la bambina più brutta che conosco’ ed io ‘Cosa?’ e lei ‘Sì, sembro un maschio con i capelli lunghi’Non le ho risposto, ma appena sono tornata a casa ho creato per lei una presentazione in power point con immagini di Elton John, Michael Jackson, George Michael, Prince, artisti che quotidianamente vivono la loro libertà ed hanno ispirato noi. Poi le ho chiesto ‘Come ti sembro?’ e lei mi ha risposto che sono bella, così le ho detto che anche a me dicono che sembro un maschio per il mio corpo, così le ho nuovamente chiesto ‘Mi faccio crescere i capelli per questo motivo?’, ‘Cambio il mio look?’ No? ‘Vedi che riempio comunque le Arene?’ Sì? Ecco, non cambiamo per nessuno, aiutiamo le altre persone a cambiare il modo di poter vedere tutti i tipi di bellezza.

Storie

“Dietro le sardine la lobby gay”, l’attacco di Don Alfredo Maria Morselli

"Lobby gay e movimenti giovanili più o meno ecologisti, manovrati dai poteri forti". L'attacco di un parroco di Bologna alle sardine.

di Federico Boni