Pompei, subito rimosso il murale con Papa Francesco contro l’omofobia

Come a Roma con il bacio tra Salvini e Di Maio, anche il murale ‘papale’ di TvBoy contro l’omofobia ha avuto vita breve a Pompei.

Tvboy ha colpito ancora. Dopo il bacio tra Matteo Salvini e Luigi Di Maio comparso nel centro di Roma il mese scorso, Salvatore Benintende, esponente del movimento NeoPop, è sceso a Pompei per fare il bis.

Protagonista, in questo caso, un sorridente Papa Francesco, disegnato con un cartello in mano che recita «Love wins. Stop homophobia!».

Good Morning Pompei!!!! Papa Francesco è già pronto a manifestare in prima linea al Gay Pride di Pompei, perchè anche in Italia come già in altri paesi d’Europa, siano riconosciuti i diritti delle coppie dello stesso sesso!‘.

Questo il messaggio pubblicato sui social da Tvboy, costretto dopo poche ore ad un triste bis. Come avvenuto a Roma, infatti, l’opera è stata rapidamente cancellata.

Come era da immaginare… Censurata e rimossa in tempi record anche la nostra opera del collettivo @tvboyofficial del Papa manifestante a favore dei diritti gay. In italia questo è un tema tabù e non se ne può parlare…. per fortuna i giornali e i media ne stanno già parlando e l’immagine sopravviverà‘.

Ancor più amaro, in serata, l’ultimo sfogo social del collettivo che rimarca l’assurdità di cancellare un’immagine che lo stesso Papa, probabilmente, avrebbe apprezzato.

Dalle parole testuali dello stesso @franciscus ”Se una persona è gay e cerca il Signore e ha buona volontà, chi sono io per giudicarla?”. Diciamo no alla censura a chiediamo al @comunedipompei di ripristinare l’opera del Papa @franciscus che manifesta a favore dei diritti delle coppie dello stesso sesso, la nostra non era affatto un’immagine volgare ma un messaggio di pace, tolleranza e rispetto di cui di questi tempi l’italia ha bisogno e che andrebbe ripristinato!‘.

Ti suggeriamo anche  "Fin*cchi qui non ne voglio": ragazzo gay buttato fuori dal negozio di souvenir a Venezia

Il primo storico Pompei Pride si terrà il 30 giugno.