POMPONIA, DIVA DEL PRIDE

A tu per tu con l’Art Director del Padova Pride, che si racconta a Gay.it, dagli esordi fino ad oggi: ecco le feste che ci aspettano in occasione della manifestazione nazionale dell’orgoglio gay.

PADOVA – Sfilate, dibattiti e rivendicazioni: ma il Pride non è solo questo. E’ anche feste, incontri, divertimenti. E per il PadovaPride 2002, l’anima dello spirito godereccio è Miss Pomponia, inarrestabile Drag Queen nata – artisticamente – a metà degli anni ’80 presso lo storico Classic Club di Rimini. E’ lei – o lui? Boh… – che ha ideato e organizzato le feste che hanno preparato l’evento più atteso dell’anno, oltre, naturalmente, al grande Rainbow Party che concluderà la giornata della sfilata prevista per l’8 giugno.

Ma chi è Miss Pomponia? Lasciando la omonima nobildonna romana rivoltarsi nella tomba, la nostra Drag, insieme con la drag/sorella maggiore Petunia, porta in giro da anni per l’Italia gli spettacoli comici delle sorellone Surprises. Dopo molto girovagare in tutti i locali d’Italia ("marciapiedi compresi, dove vendevamo i nostri corpi al kg" confessa la Drag), approdano in Tv ospiti più volte del Maurizio Costanzo Show, nei panni della Jessica Rabbit e della Barbie Girl.

Tre mesi fa, il portavoce del Padova Pride 2002, Alessandro Zan, ha contattato la morbidissima drag per proporle di prendere in mano la direzione artistica del Gay Pride. "Alessandro mi chiese come avrei immaginato la programmazione, fermo restando che doveva essere organizzata una festa finale. Io pensai subito all’idea di portare il PadovaPride in tutta Italia. Così è nato il PadovaPrideInTour, una serie di serate in varie discoteche italiane, nate con lo scopo di far conoscere l’iniziativa del Pride padovano in tutto il paese".

Ti suggeriamo anche  Questa lettera fa capire l'importanza del coming out e dell'affetto dei genitori per un figlio gay

Una iniziativa che ha riscosso molto successo, toccando oltre quindici città in meno di un mese e mezzo. E reclutando quelli che saranno i candidati alla nomina di Mister Pride 2002, nella serata finale di sabato 8 giugno. "Il filo conduttore delle serate, sono state le selezioni per Mister Pride. Ogni discoteca sceglieva una serie di candidati che proponeva al giudizio del pubblico la serata del PadovaPrideInTour. Tutti questi selezionatissimi partecipanti, ora si scontreranno per l’elezione finale, la sera dell’8 giugno in occasione del Rainbow Party, la festa di chiusura del Padova Pride 2002. Preciso che la giuria è incorruttibile mentre la direttrice artistica no! Comunque l’idea del Mister Pride ha avuto molto successo, e probabilmente sarà ripetuta anche in occasione dei Pride dei prossimi anni".

Il PadovaPrideInTour ha ancora due soli appuntamenti (venerdì al Cream di Bologna e sabato al Romeo’s di Verona) prima della festa finale dell’8 giugno, che si annuncia indimenticabile. Al padiglione 11 della Fiera di Padova, il Rainbow Party comincerà alle 21 con lo spettacolo di Alessandro Fullin e Clelia Sedda, "Gengis Kahn, ovvero Il Problema Del Tartaro", l’unico spettacolo – lo descrivono gli autori – "che affronti contemporaneamente due spinosi problemi: le invasioni barbariche e la pulizia interdentale". A partire dalle 22.30, il Drag Queen Show che avrà come protagoniste le mitiche Petunia Surprises, Genny Random, La Nonna, The Drastik Queen, Marco Fariello e Janina Morich, e ospiterà L.A. Cristiana (interprete della sigla ufficiale del PadovaPride2002), gli spogliarellisti Honey Forever, La Nuit & Boys, e Mr. Gay Italia 2002, che assisterà all’elezione di Mr. Padovapride2002, tra tutti i ragazzi selezionati nel corso delle serate del PadovaPrideInTour.

Ma la notte non è affatto finita: da mezzanotte e mezza, Rainbow Party diventa "Disco Night ‘Til Morning", una no-stop di musica e animazione fino al mattino, con DeeJays’ Rotation: Lorenzo Rossi (Skylight), Andrea De Luca (Radio Company), Omar (Gossip), Danny Molin (Classic Club), Hondino and DeeJay set from F.I.S.T. (London) e vocalists: Chicco (official Voice), Philypo (feat. Joe T Vannelli).

Ti suggeriamo anche  Perché il Pride deve continuare ad essere osceno

"Vi aspetto tutti a Padova – dice ammiccando Miss Pomponia – per la parata e per la festa finale dove ci divertiremo come le pazzeeeeeeeee. Un bacio sulla punta del nasino, se volete potrete scrivermi a: [email protected] per darmi qualche consiglio o qualche suggerimento su quale abito indossare durante le serate, sul trucco da usare, o magari qualche vostra impressione sui vari ragazzi selezionati durante le serate; accetto anche proposte matrimoniali che prenderò in considerazione esclusivamente dopo il primo gennaio 2004 (prima sono super impegnata)".