Povia, in 300 al suo concerto-convegno. E canta “Luca era gay”

“Non parleremo di omosessualità” aveva promesso il parroco. Ma non è stato così.

Dopo le polemiche e le accuse di omofobie, si è tenuto nei giorni scorsi il concerto-convegno organizzato da don Pasquale Amoruoso a favore della famiglia tradizionale. Ospite d’eccezione? Povia.

Si è tenuto a Palo del Colle (circa 20 chilometri da Bari) il concerto-convegno del cantante Povia e dell’avvocato Gianfranco Amato, organizzato dalla parrocchia San Giuseppe per volontà del parroco Pasquale Amoruoso. L’evento, interpretato dai più come un inno all’omofobia e una battaglia al gender, ha raccolto presso la Sala delle Rose circa trecento persone: tra questi anche esponenti locali di Noi con Salvini e di Casapound. Una volta preso il microfono, il parroco ha salutato i presenti e precisato che l’unico tema affrontato sarebbe stato quello della famiglia: “Non parleremo di omosessualità, non parleremo di gay, ma solo della teoria gender”.

Ma è stato davvero così? Non proprio. Gianfranco Amato, ad esempio, ha parlato anche di immigrazione: “Entro il 2050 gli immigrati avranno sostituito gli italiani”. E Povia, tra una slide e l’altra, ha intonato “Immigrazia” e “Luca era gay”, specificando però di non aver mai definito l’omosessualità una malattia da cui è possibile guarire. Cantano tutti, compreso il parroco. Si parla anche di Nichi Vendola, ex presidente della Regione Puglia: “La famiglia non è questo” tuona Amato dopo aver visto una sua foto con Eddy e il loro bambino.

Storie

Milano Pride 2020: un ALTRO PRIDE nella forma ma non nella sostanza

L’edizione 2020 di Milano Pride sarà contraddistinta da un programma di eventi virtuale che contribuirà attivamente alla ripresa della città con un’attività di fundraising.

di Federico Boni