Presa la banda che terrorizzava le coppie gay appartate

Terrorizzavano le coppiette gay che si appartavano minacciandole e poi derubandole. Tanto non avrebbero denunciato per la vergogna. E invece, qualcuno si è ribellato e oggi la cattura della banda.

Sicuri che non sarebbero mai stati denunciati per la vergogna di raccontare i fatti alla polizia, una banda che operava a Gallarate, in provincia di Varese, terrorizzava in ogni modo le coppiette gay che si appartavano in macchina. Il metodo era sempre lo stesso: prima lanciavano sassi a raffica contro le vetture per rompere i vetri, poi intimavano di scendere e infine derubavano quel che c’era da rubare accontentandosi anche di bottini magri.

Grazie a qualcuno che ha deciso di raccontare quanto gli era successo, le forze dell’ordine hanno potuto sgominare la baby gang fatta di italiani e stranieri per lo più minorenni che operavano nella città lombarda nei pressi del cimitero, luogo scelto dalle coppiette per appartarsi. Ma erano i gay gli obiettivi della banda. Nessun odio, assicurano gli aggressori, semplicemente si tratta di persone che con difficoltà sarebbero corsi dalla polizia a denunciare.

Ti suggeriamo anche  Bailey Reeves è la 17esima donna transgender uccisa nel 2019 negli Stati Uniti
Storie

16enne gay si suicida, vittima di bullismo omofobico

Un incessante bullismo, che alla fine lo ha portato al suicidio.

di Alessandro Bovo