FALLO! protetto: il preservativo low-cost a marchio Coop

di

Coop collabora anche con la LILA per la prevenzione e riduzione rischi su HIV e AIDS

CONDIVIDI
6 Condivisioni Facebook 6 Twitter Google WhatsApp
24935 0

“FALLO! protetto” è il preservativo della COOP che ha messo sul mercato la sua linea di condom da oltre un anno e nei giorni scorsi, in occasione della giornata internazionale di lotta contro l’AIDS, lo ha rilanciato. Lo slogan dell’iniziativa è lo stesso dell’anno scorso: “FALLO! protetto”. L’intento è quello di dare un messaggio laico, diretto e provocatorio, di prevenzione e riduzione dei rischi, su quello che è l’unico strumento a dare la certezza di evitare la contrazione del virus: il preservativo. E “FALLO! protetto” è non solo il primo preservativo a marchio nella grande distribuzione italiana, ma anche il primo a collaborare con la LILA (Lega Italiana per la lotta contro l’Aids), l’ANLAIDS (Associazione Nazionale per la lotta contro l’AIDS) ed altre organizzazioni italiane come ad esempio l’Arcigay (con quella di Modena come capofila), il gruppo di intrattenimento gay toscano “Mamamia ” e una ASL triestina che per il 3 dicembre organizza una interessante iniziativa denominata “Più o meno positivi”.

Partiamo dal prezzo, che ci pare la cosa più interessante. A fronte di una produzione di qualità garantita dal marchio Coop, il costo del preservativo va sotto i 40 centesimi, contro un prezzo in farmacia per un prodotto di pari qualità che si aggira sui 60 centesimi se comprati online e anche oltre 1 euro se comprati in farmacia. Del resto la filosofia della Coop è conosciuta e viene raccontata anche senza troppi mezzi termini sul loro sito internet : “Coop, che da sempre è attenta alle necessità dei propri consumatori, sceglie quindi di schierarsi anche per la promozione di una corretta educazione sessuale, sensibilizzando anche i più giovani, al rispetto e alla consapevolezza, sostenendo l’uso del profilattico e rendendone accessibile l’acquisto.” Bene, bravi, bis, verrebbe da dire.

Coop entra nel settore dei dispositivi medici, con l’obiettivo di offrire un prodotto sicuro, di alta qualità a prezzi decisamente inferiori rispetto al mercato – ha dichiarato a Gay.it l’ufficio stampa di Coop -. Crediamo che dare la possibilità ai soci e consumatori di acquistare il profilattico a marchio sia un modo per rispondere all’esigenza di vivere consapevolmente la propria sessualità oltre che tutelare la propria salute e che sia giusto nel contempo svolgere un’attività di informazione e formazione, rivolta alle giovani generazioni ma non solo”.

Ad un anno dal lancio, “FALLO! protetto” è il secondo brand più acquistato nei propri negozi dopo DUREX, con una quota a quantità del 21%. A supportare il lancio un tour nei luoghi di aggregazione giovanile di una ventina di città italiane dove sono stati distribuiti campioni gratuiti del prodotto, la presenza in tre grandi eventi (a maggio il concerto di Radio Italia a Milano, a giugno MTW AWARDS a Firenze e nel corso dell’estate insieme al Radio 105 Music & Fun tour 2015 in 8 località balneari) ed infine la collaborazione con le due principali associazioni italiane impegnate nella lotta contro HIV e AIDS (LILA ed ANLAIDS). “Per Coop dare la possibilità ai soci e consumatori di acquistare il profilattico a marchio – hanno scritto in un comunicato per il 1° dicembre appena trascorso – è un modo per rispondere all’esigenza di vivere consapevolmente la propria sessualità oltre che tutelare la propria salute ed è giusto nel contempo svolgere un’attività di informazione e formazione, rivolta alle giovani generazioni ma non solo. Da qui nasce la collaborazione con le due organizzazioni Anlaids e Lila impegnate sul fronte della sensibilizzazione e prevenzione. In occasione delle loro iniziative saranno distribuiti gratuitamente circa 50.000 profilattici a marchio Fallo Protetto”. Più chiari di così…

Leggi   La parola all'esperto: HIV e AIDS, due mali ancora poco conosciuti

Eccovi quindi lo spot di “FALLO! protetto”:

Guarda una storia
d'amore Viennese.

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...