Prestigiacomo: no a discriminazioni antigay

La ministro alle Pari Opportunità annuncia un decreto contro le discriminazioni verso gay e lesbiche Lo Giudice: “Finalmente vengono recepite le direttive europee”.

ROMA – Il Ministro per le Pari Opportunità Stefania Prestigiacomo, intervenendo oggi al question time alla Camera dei Deputati, ha risposto ad una interrogazione dell’on. Titti De Simone in merito al recepimento, da parte dell’Italia, della Direttiva del Parlamento europeo n. 78 del 2000 contro le discriminazioni sul lavoro motivate, fra l’altro, dall’orientamento sessuale. Il ministro ha annunciato un decreto del governo che estenderebbe ai soggetti previsti dalla direttive 2000/78 le tutele previste dal Testo Unico sull’immigrazione del 1998.

“E’ una buona notizia che il governo decida di non essere inadempiente rispetto ai vincoli posti dalla Direttiva antidiscriminatoria dell’Unione Europea – commenta Sergio Lo Giudice, presidente nazionale dell’Arcigay – . Quello che i politici di casa nostra non hanno avuto il coraggio di fare per decisione propria, oggi sono tenuti a farlo a seguito della pressione europea. Ora attendiamo il decreto del governo, a cui chiediamo di dare reale attuazione allo spirito di quella direttiva e al previsto coinvolgimento delle associazioni nel monitoraggio dei suoi effettivi risultati”