Pride a Pompei, Forza Nuova minaccia: “Vi pigliamo a calci nelle gengive”

La risposta di Arcigay Napoli all’attacco dei neofascisti: “Non ci facciamo intimorire”.

A lanciare l’intimidazione su Facebook al corteo LGBT è Salvatore Pacella, segretario napoletano di Forza Nuova.

C’è una nuova ombra sul Campania Pride di quest’anno, che si terrà il 30 giugno nella storica cornice di Pompei. Dopo le polemiche di stampo cattolico arrivate da esponenti di centrodestra sull’opportunità di portare la sfilata in una città dove si trova un importante santuario dedicato alla Madonna, arrivano le violente minacce di Forza Nuova.

La formazione neofascista ha diramato un comunicato, ripreso dal sito ‘La Rampa’, in cui paragona l’arrivo della manifestazione LGBT all’eruzione del Vesuvio. Secondo il partito guidato da Roberto Fiore si tratta di “una sfilata tra il carnevalesco e il porno“. Non di meno, il segretario napoletano di FN, Salvatore Pacella pensa bene di condividere sul proprio profilo di Facebook il comunicato aggiungendo a corredo la minaccia: “Vi pigliamo a calci sulle gengive (non altrove perché potreste provare piacere)”.

forza nuova

Alle intimidazioni fasciste ha risposto il presidente di Arcigay Napoli Antonello Sannino: “Il Pride è una grande festa di civiltà, un corteo pacifico per rivendicare diritti ed eguaglianza. Non ci lasceremo intimorire da chi vuole odio e tristezza. Saremo in piazza in tantissimi e in tantissime il 30 giugno a #Pompei e sarà la più bella risposta all’inciviltà e alla violenza“.

Nel comunicato di Forza Nuova si aggiunge che proprio il 30 giugno “l’intera comunità campana forzanovista presidierà il Santuario per l’intera giornata, impedendo con ogni mezzo in nostro potere che i circensi della lobby LGBT si esibiscano nelle loro volgari e inutili manifestazioni”. Ora non resta che da capire se le forze dell’ordine abitualmente tanto sollecite nell’impedire contromanifestazioni nelle vicinanze dei presidi neofascisti, facciano altrettanto a parti inverse. Un atto a dir poco dovuto.

Storie

Picchiato a sangue: aggressione omofoba contro 29enne

Nel ragusano, sabato pomeriggio. Non è la prima volta che il ragazzo è il bersaglio di omofobi nella sua città.

di Redazione