Pride: Roma e Milano al via

Migliaia di persone per i Pride locali di Roma e Milano. Ieri il carro d’apertura che faceva promozione all’evento di di Roma era arrivato fino a S.Pietro. Pestati a sangue due giovani gay napoletani.

Nel giorno dei più importanti Pride locali, quelli di Milano e Roma, dobbiamo registrare un grave episodio di omofobia avvenuto a Napoli. Due ragazzi di 24 e 27 anni che viaggiavano su un treno della Circumvesuviana della linea Napoli-Sorrento, all’altezza di Portici sono stati additati come gay e dopo sono arrivati calci e pugni. Violentissimi. Tutto si è svolto tra l’indifferenza degli altri passeggeri, un atteggiamento che ha permesso agli aggressori di dileguarsi nel nulla. Adesso i giovani hanno sporto denuncia alle autorità.

A Milano e Roma, nel giorno della festa, il fatto di Napoli non potrà passare sotto silenzio e il popolo dei Pride manifesterà anche perché episodi simili non possano più ripetersi. La partenza è prevista alle 16 in entrambe le città.

Nella giornata di ieri, a Roma, il carro che oggi aprirà il corteo ha fatto un giro della città per promuovere la manifestazione arrivando fino in piazza San Pietro. «Abbiamo sfilato festosamente e siamo stati accolti e salutati con calore e affetto durante tutto il percorso, anche in quelle piazze dove la nostra presenza è ritenuta “inconciliabile"» fa sapere il Mario Mieli, l’associazione incaricata di organizzare l’evento di oggi nella Capitale.

A Milano c’è attesa per il silenzio che i manifestanti "insceneranno" in Piazza del Duomo come segno di protesta per i diritti negati alla comunità lgbt italiana.

LEGGI ANCHE

Storie

La Svezia non concede l’asilo, 19enne gay rischia di tornare...

Se in Iran scoprissero che è gay e cristiano, Mehdi potrebbe essere condannato a morte.

di Alessandro Bovo | 18 Febbraio 2019

Storie

Oscar Cazorla è stato ucciso: il Messico gay piange un...

Sconvolta la comunità LGBT messicana per la scomparsa di Cazorla.

di Alessandro Bovo | 18 Febbraio 2019

Cultura

I killer nella storia della comunità LGBT

In tutto, hanno brutalmente ucciso 34 persone omosessuali.

di Alessandro Bovo | 17 Febbraio 2019