Primo caso di sifilide tra lesbiche

"Il caso osservato è una piccola prova a favore del rischio di trasmissione del Treponema pallidum nelle donne omosessuali".

Per la prima volta, ricercatori americani descrivono un caso di trasmissione del batterio Treponema pallidum, responsabile della sifilide, in una coppia di donne omossessuali dopo un rapporto oro-genitale.

L’equipe del dottor Steven Hurwitz del Maricopa County Department of Public Health di Phoenix in Arizona ricorda che la possibilità di trasmissione dell’Hiv e di altre malattie sessualmente trasmesse non e’ ancora stata adeguatamente studiata.

Normalmente si ritiene, infatti, che la loro trasmissione nelle donne omosessuali o bisessuali avvenga per il contatto con un uomo infatto o per l’uso di siringhe contaminate. "Il caso osservato -concludono gli autori- è una piccola prova a favore del rischio di trasmissione del Treponema pallidum nelle donne omosessuali".

Ti suggeriamo anche  Giovani e HIV, l'allarme LILA: 'la maggior parte dei nuovi casi in Italia nella fascia d'età 25-29 anni'